Toyota sta testando una versione nuova e migliorata delle celle solari che aveva precedentemente lanciato sull’esclusiva Prius PHV in Giappone. Le celle prototipo di questa demo car sono in grado di convertire l’energia solare al 34%. Ciò è molto meglio del 22,5% della versione commerciale esistente.

A differenza del suo predecessore, può anche caricare la batteria di guida dell’auto mentre l’auto è in movimento. Il nuovo sistema fornirà fino a 44,5 km (27,7 miglia) di portata aggiuntiva al giorno durante il parcheggio. Può inoltre arrivare fino a 56,3 km (35 miglia) di potenza sia al sistema di guida che alla batteria ausiliaria a bordo.

Usando un film cellulare della batteria solare ridisegnato, gli ingegneri del veicolo potrebbero posizionare il film su una superficie molto più ampia del veicolo rispetto alla versione di produzione esistente. E come detto, il sistema ora può funzionare mentre l’auto è effettivamente alla guida. Ciò grazie ai cambiamenti nel modo in cui la potenza generata viene alimentata al sistema.

Leggi anche:  Lightyear One sfida Tesla: dall'Olanda arriva l'auto elettrica solare

Questo nuovo veicolo di prova entrerà in circolazione in Giappone alla fine di luglio. Condurrà prove in diverse regioni per testare le sue capacità in condizioni meteorologiche e di guida diverse. In definitiva, l’obiettivo è utilizzare questa ricerca per facilitare lo sviluppo commerciale di una tecnologia di generazione di energia solare più efficiente.

Le auto a energia solare fino ad oggi sono state un po’ una proposta anomala. C’è la Prius PHV della Toyota, ma è abbastanza limitata in termini di ciò che guadagni rispetto a un tradizionale plug-in elettrico. Lightyear One, una startup dei Paesi Bassi, ha presentato la sua auto elettrica per il consumo di energia elettrica il mese scorso. Tuttavia la produzione di quel veicolo non inizierà a partire dal 2021.