down

down degli operatori telefonici del nostro paese, o comunque dei principali fornitori diservizi, sono indicati periodicamente su Downdetector, un sito internet creato appositamente per aiutare i consumatori a superare i periodi di crisi trovando conforto nella community.

La suddetta utility nasce e si basa proprio sull’apporto degli utenti, tutti i dati a cui noi possiamo accedere derivano da segnalazioni inviate da consumatori sparsi per il territorio. Per contribuire alla causa non sono necessarie registrazioni o quant’altro, basterà recarsi sulla pagina dell’azienda desiderata e premere il pulsante “Ho un problema con…”; il sistema registrerà il feedback e, al raggiungimento di un determinato quantitativo di segnalazioni nel breve periodo, invierà a sua volta la notifica di problema di rete.

E’ chiaro come la problematica non possa in nessun modo essere risolta da Downdetector, ma richieda necessariamente l’intervento della relativa azienda; il sito lo possiamo definire come un centro di aggregazione tramite il quale i consumatori possono confrontarsi, scoprire lo stato della rete e l’eventuale diffusione del down.

Leggi anche:  Disservizi mandano in crisi gli utenti di Wind, Iliad, Vodafone e TIM

 

Disservizi e Down: cosa vedere su Downdetector

Se arrivati a questo punto foste curiosi di capire quali dati vengono visualizzati su Downdetector, sappiate che vengono organizzati in 3 macrosezioni:

  • Numero di segnalazioni nelle ultime 24 ore (divise per ora), organizzate in un intuitivo grafico temporale, nel quale un picco equivale ad un down.
  • Diffusione del problema di rete sul territorio, organizzato in una cartina geografica segnalante nelle aree cerchiate in rosso la maggiore incidenza.
  • Commenti relative alle conseguenze della problematica grazie al plugin Facebook.

Il sito, come più volte commentato in passato, è completamente gratis, nonché accessibile da un qualsiasi dispositivo connesso alla rete internet.