truffa assicurazioni online

Sottoscrivere una polizza assicurativa online è ormai una pratica che compiono in tanti considerate le grandi percentuali di risparmio che in molti casi si riescono ad ottenere. Come avviene in ogni campo però, molto spesso non è tutto oro quel che luccica. Non a caso, infatti, anche nel settore delle assicurazioni online non mancano i truffatori pronti a sfruttare la buona fede degli utenti. A confermare la presenza di questi ultimi è stata un operazione portata avanti dalla Procura di Milano che, in seguito ad attenti controlli effettuati in collaborazione con la Guardia di Finanza, ha oscurato ben 222 siti accusati di aver venduto polizze assicurative false a centinaia di utenti rimasti per mesi all’oscuro di tutto. Scopriamo di seguito come funzionavano le truffe.

Truffe Assicurazioni Online: ecco come funzionano e come vengono truffati i consumatori

Per raggirare gli utenti mal capitati, questi siti utilizzavano indebitamente i loghi delle più note compagnie assicurative che operano in Italia ed un numero RUI (Registro Unico degli Intermediari assicurativi) contraffatto. Il cliente truffato, quindi, era convinto di aver sottoscritto una polizza assicurative a condizioni vantaggiose ma in realtà si ritrovato con un pezzo di carta senza valore nelle mani e senza alcuna copertura sul mezzo interessato. 

Leggi anche:  False PEC infestano le email: attenzione agli allegati truffaldini

Oltre ad aver bloccato 222 portali, la Procura di Milano ha individuato anche 74 persone coinvolte in questa maxi truffa e responsabili, quindi, dei reati di esercizio abusivo dell’attività di intermediazione assicurativa e di truffa aggravata.

I portali chiusi, quindi, ammontano a 222 ma non è ancora possibile confermare che non ve ne siano ulteriori ancora online. In ogni caso, per evitare di essere truffati, dovrete affidarvi al buon senso. Se l’offerta risulta essere troppo vantaggiosa ed il sito non sembra affidabile, diffidate e fate riferimento ai portali assicurativi più conosciuti in Italia, come ad esempio Facile.it .