futuro razza umana

Secondo alcuni saggisti, la razza umana si potrebbe evolvere in direzioni molto diverse in un futuro per nulla determinato. Ma, come è lecito supporre dal nostro essere, l’umanità sarà come sempre guidata prima di tutto dalle sue paure. Perché quello che ci è ignoto spesso viene visto come un pericolo e come razza siamo tendenti a non seguire terreni inesplorati.

Tra i fattori che più ci potrebbero preoccupare in futuro troviamo di certo il clima, poiché la Terra sta man mano adattandosi (in positivo o negativo) alla nostra influenza sull’ambiente. Un altro fattore sarà la progressiva introduzione della robotica e delle intelligenze artificiali senzienti che potrebbero “destrutturare gli attuali paradigmi del tessuto industriale mondiale.”

Come potete immaginare, anche rispetto al passato, le direzioni che la razza umana potrebbe prendere in futuro sono nettamente influenzate da paure molto diverse da quelle sperimentate dai nostri genitori durante la guerra mondiale. All’epoca c’erano esigenze molto materiali come la lotta alla fame, la ricostruzione, il benessere, ma erano comunque situazioni concrete e reali.

 

Razza umana: verso quali futuri possibili siamo indirizzati?

Se invece oggi ci facciamo un giro per le strade delle città, ci accorgiamo che le paure per il futuro sono i discorsi dominanti tra la persone, con una tendenza a cristallizzare il passato (seppur a tratti orribile come l’olocausto) come un periodo più semplice in cui vivere e sopravvivere.

Leggi anche:  Tesla: tutte le ultime novità sulle Auto, c'è anche chi lavora Gratis

Tuttavia non ci sentiamo di condannare chi cerca sempre conforto nel passato, poiché l’umanità presente non ha più un futuro luminoso su cui contare, soprattutto in considerazione che presto la nostra razza dovrà avventurarsi verso nuovi pianeti. La Terra, purtroppo, non potrà sostenere a lungo la nostra presenza, aggravata dalla sovrappopolazione, dall’inquinamento e dal progressivo esaurimento delle risorse naturali.

Già l’astronomo Carl Sagan (1934-1996) affermava che:” se è in gioco la nostra sopravvivenza sul lungo periodo, abbiamo la precisa responsabilità – nei confronti della nostra specie – di avventurarci verso altri mondi”. Sulla stessa linea sono anche le considerazioni di Michio Kaku, famosissimo astrofisico statunitense autore di un libro nel 2018 sul futuro dell’umanità, ed Elon Musk, il miliardario proprietario di Tesla e SpaceX. Tuttavia, Kaku sostiene che la nostra razza, per diventare colonizzatrice del sistema solare e altri sistemi interstellari, dovrà per forza evolversi geneticamente introducendo inevitabilmente elementi robotici nel corpo umano.