truffa diamanti intesa sanpaolo unicredit BPMNel 2019 il centro dell’attenzione finanziaria si è spostato su una vicenda che ha visto al centro di tutto la famigerata truffa dei diamanti. Ne hanno parlato i media televisivi ed anche noi in diverse occasioni. Gli investitori sono stati messi in ginocchio da un raggiro ben organizzato al cui vertice sono state collocate DPI e la IDB. Queste due società hanno reinventato il concetto di fiducia dei clienti che hanno visto i propri conti azzerati da un affare losco sanzionato dalle autorità. Le indagini sono tutt’ora in corsa ed i clienti sul piede di guerra.

 

La truffa dell’anno che ha svuotato tutti i conti: le novità

Tutto parte da una supervalutazione dei diamanti che ha attivato un campanello di allarme degli esperti del settore finanziario. Col senno di poi si è scoperta una truffa da 700 milioni di euro concepita e portata avanti dalle due compagnie locali ora fallite e soggette ai controlli fiscali da parte della Guardia di Finanza.

I pubblici ministeri hanno ammonito anche Unicredit, Sanpaolo e BPM che – secondo quanto stabilito – sono responsabili sul piano amministrativo. Saranno tenute ad elargire i rimborsi a favore dei correntisti e degli investitori che sono stati tratti in inganno.

Al momento gli inquirenti stanno ancora facendo luce sulla vicenda mentre i clienti attendono impazienti il riaccredito dei fondi spesi. Coinvolti in questa sfortunata vicenda anche personalità pubbliche importanti come Vasco Rossi e tutta una serie di celebrità che hanno già espresso tutto il loro disappunto.

Ulteriori aggiornamenti nel corso dei prossimi giorni. Seguite insieme a noi gli sviluppi per scoprire quando verranno concessi i rimborsi sui conti correnti.