SMS battono Whatsapp e TelegramChi sceglie Whatsapp e Telegram per gestire i contatti è a conoscenza del fatto che serve una connessione Internet. Per riuscire a chiamare, video chiamare e interagire in chat è necessario un collegamento alla rete WiFi, 4G o 5G. Il risultato non cambia a meno che non si utilizzi una app per messaggi senza connessione.

Riuscire ad inviare un contenuto testuale dal telefono in assenza di Internet non è difficile se si sfruttano gli SMS. Tra l’altro, negli ultimi giorni, Google ha rinnovato il suo impegno per la concessione della nuova piattaforma RCS. I messaggi, in questo caso, diventeranno delle vere e proprie chatroom. Scopriamo insieme perché si continuano a scegliere ancora i 160 caratteri.

 

SMS contro Whatsapp e Telegram

Le alternative Whatsapp non mancano di certo. Esistono un mare di applicazioni ufficialmente predisposte per la comunicazione a distanza tramite messaggi e sistemi per chiamare e video chiamare. Ognuno di essi presuppone la presenza di una connessione ad Internet attiva. Con gli SMS il problema non sussiste.

Leggi anche:  WhatsApp torna a pagamento, ecco il messaggio ruba soldi

Grazie alla copertura 2G su rete GSM il segnale garantisce il 100% di copertura a livello nazionale e mondiale. Gli utenti TIM, Wind, Tre, Iliad, Vodafone e tutti gli MVNO locali ed esteri consentono la ricezione e l’invio dei messaggi senza rete.

L’unica nota che stona rispetto alle classiche app di messaggistica è la sicurezza, verso cui non si garantisce l’applicabilità di una crittografia avanzata. Per il resto abbiamo tutto da guadagnare nell’utilizzare un sistema che funziona a prescindere dal dispositivo e dalla piattaforma utilizzata. Che sia uno smartphone o un vecchio cellulare poco importa. L’app utilizzata è sempre disponibili e con pochi centesimi possiamo avere sempre un canale di comunicazione aperto verso il mondo.

Gli SMS, in definitiva, sono versatili e sempre attivi per ogni esigenza di comunicazione personale e professionale. La loro utilità è stata intuita anche dai gestori che ad anni di distanza continuano ad offrire offerte a pacchetto integrate.