Equifax-Microservices

Un ex dirigente della Equifax che ha venduto le sue azioni dopo aver violato dei dati sensibili, ed è stato condannato a quattro mesi in prigione federale per insider trading. Jun Ying, ex chief information officer per la società statunitense Information Solutions, è stato anche inoltre costretto dalla legge a pagare circa 117.000 come risarcimento e una multa di 55.000 dollari, ha detto giovedì l’ufficio del procuratore degli Stati Uniti.

Nel 2017, Equifax ha annunciato di aver subito una violazione dei dati che avrebbe colpito più della metà della popolazione degli Stati Uniti, esponendo i numeri di previdenza sociale, i nomi e gli indirizzi di 147 milioni di americani. La società è venuta a conoscenza della violazione il 29 luglio 2017, ma non l’ha annunciata pubblicamente per quasi tre mesi.

 

3 mesi di silenzio per la società

Il 25 agosto 2017, Ying ha mandato un messaggio di testo a un collega sulla violazione, dicendo che “suona male, potremmo essere quelli che cercano”, secondo l’accusa. La settimana successiva, Ying ha condotto una ricerca sul Web per scoprire cosa è successo al prezzo delle azioni di Equifax dopo che la società ha subito una violazione dei dati nel 2015.

Tre giorni dopo, Ying ha venduto tutte le sue azioni in Equifax, guadagnando oltre 950.000 dollari. L’insider trading di Ying è avvenuto 10 giorni prima che Equifax annunciasse pubblicamente la sua violazione.

Sudhakar Reddy Bonthu, ex manager di sviluppo software Equifax, si è dichiarato colpevole nel 2018 utilizzando le informazioni privilegiate per guadagnare oltre  75.000 dollari in borsa. A Bonthu è stato ordinato di servire otto mesi di reclusione domestica, pagare una multa di  50.000 e rinunciare al ricavato della vendita di azioni.