nio

La principale startup cinese di EV NIO ha richiamato quasi 5.000 E-SUV elettrici ES8 dopo che negli ultimi mesi sono emerse diverse segnalazioni di incendi di batterie in Cina. I SUV costruiti tra il 2 aprile 2018 e il 19 ottobre 2018 sono inclusi dal richiamo. Ci vorranno due mesi per sostituire i pacchi batteria danneggiati su tutti i veicoli interessati, dice la compagnia.

Il problema non sono le batterie, secondo un’indagine eseguita da NIO con l’aiuto di “esperti del settore“. Hanno scoperto che un modulo nel pacco batteria premeva contro un cavo di campionamento di tensione nel cablaggio. Nel corso del tempo, questo contatto ripetuto ha consumato alcuni di questi cavi, provocando cortocircuiti che hanno portato ad alcuni  incendi.

NIO dice che risarcirà tutti i proprietari che hanno subito perdite

La società dice che è passato ad un pacco batteria con un diverso design strutturale nell’ottobre 2018, motivo per cui il ritiro si ferma qui. La società afferma inoltre che compenserà “tutti gli utenti che hanno subito perdite di proprietà negli incidenti causati da problemi di qualità e sicurezza delle batterie, in conformità con le leggi vigenti“.

Leggi anche:  Diesel batte l'elettrico di Tesla: le batterie inquinano preoccupano

NIO vorrebbe chiedere sinceramente scusa ai nostri utenti e al pubblico per i problemi causati dagli incidenti di sicurezza della batteria”, ha scritto l’azienda in una nota. “In qualità di impresa utilizzatrice, la società prenderà sul serio i problemi gravi e agirà sempre con onestà e trasparenza. La compagnia vuole anche esprimere la nostra sentita gratitudine a tutti coloro che hanno seguito e curato NIO durante questi incidenti “.

NIO ha iniziato a spedire la sua prima auto, la SUV elettrica ES8, quasi esattamente un anno fa. Da allora, la startup ha prodotto oltre 17.000 auto in Cina.