marte

Il lander di Mars InSight e il rover Curiosity della NASA hanno regalato un sacco di panorami mozzafiato, mostrando splendide visioni di nuvole e scorci del pianeta. Non piove su Marte, ma potremmo essere più vicini a capire come il pianeta freddo e arido possa avere giorni così nuvolosi e così scenografici.

Un gruppo di ricerca guidato da Victoria Hartwick, uno studente laureato presso l’Università del Colorado Boulder, ha dato un’occhiata più da vicino alle nuvole misteriose che si formano nell’atmosfera mediana di Marte, a circa 30 chilometri (30 miglia) dal suolo.

“Le nuvole non si formano da sole”, ha detto Hartwick. “Hanno bisogno di qualcosa su cui possono condensare”. Il segreto potrebbe essere il “fumo meteorico”, polvere ghiacciata che si forma quando le rocce spaziali volano nell’atmosfera del pianeta.

 

Il rover della NASA ha visto delle strane nuvole su Marte

Diverse tonnellate di detriti spaziali di solito si schiantano su Marte ogni giorno, ha osservato Hartwick. Quando le meteore esplodono, la polvere vola via. Sulla Terra, le particelle di polvere possono agire come nucleo da cui parte il processo che crea il vapore acqueo condensato, che in seguito formarà nuove  nuvole. Un’azione simile potrebbe accadere su Marte.

I ricercatori hanno eseguito simulazioni al computer dell’atmosfera del pianeta. Le nuvole apparivano nelle simulazioni solo quando la squadra includeva meteore nei calcoli. Il team ha pubblicato le sue scoperte lunedì sulla rivista Nature Geoscience.

Scrutare le nubi su Marte può dire agli scienziati di più su come la sua atmosfera interagisce con il suo clima, dandoci anche indizi sul suo passato.