comcast

Comcast, il più grande fornitore di servizi via cavo in America, ha lanciato una nuova tastiera virtuale, compatibile con computer portatili e fissi, per aiutare gli utenti a navigare sullo schermo del televisore tramite lo sguardo.

Questa tastiera virtuale è l’ultimo esempio di come le aziende stanno lavorando per rendere i loro prodotti e servizi accessibili alla comunità dei disabili. Ad esempio, alla sua Worldwide Developers Conference all’inizio di questo mese, Apple ha annunciato Voice Control, una funzionalità che consente agli utenti con limitazioni motorie di sfogliare i propri dispositivi iOS semplicemente pronunciando indicazioni. Allo stesso modo, Google alla sua conferenza I / O annuale di maggio ha annunciato una funzionalità che aggiunge sottotitoli in tempo reale, destinati a favorire gli utenti non udenti.

La tastiera virtuale personalizzabile di Comcast è accessibile tramite l’URL Xfin.tv/access e sarà disponibile per le persone con la piattaforma Comcast Xfinity esistente e la tecnologia di tracciamento oculare assistiva di terze parti di aziende come Tobi. I clienti possono utilizzare la tecnologia non solo per cambiare canale, ma anche per lanciare la guida TV, cercare contenuti o registrare un film.

Leggi anche:  Ecco come trasformare la tua TV in una Smart TV con pochi euro

 

Con cosa funziona il sistema

Mentre la tastiera è disponibile per chiunque abbia la piattaforma TV via cavo Xfinity X1 e un browser, la tecnologia è destinata a beneficiare le persone che non possono usare le mani abbastanza bene da gestire un telecomando, comprese le persone con lesioni ALS o midollo spinale, o per quelli che hanno solo bisogno di usare un dispositivo a comando vocale.

Durante la prova del controllo dell’occhio Xfinity X1 di CNET, Comcast ha fatto ripetutamente riferimento a come il prodotto potrebbe aiutare quelli con SLA o sclerosi laterale amiotrofica. La SLA è una malattia neurodegenerativa che peggiora col tempo e fa perdere il controllo del movimento muscolare. Ci sono più di 30.000 americani e 450.000 in tutto il mondo con la condizione, secondo l’ALS Therapy Institute.