TIM

TIM S.p.A. comunica l’intenzione di avviare la procedura finalizzata a cancellare la quotazione presso il New York Stock Exchange (NYSE) delle proprie American Depositary Shares ordinarie e di risparmio (ADSs), rappresentate da American Depositary Receipts (ADRs).

In relazione a questo percorso, la Società intende convertire entrambi i propri programmi ADR (ordinario e di risparmio) di livello II, in programmi ADR (ordinario e di risparmio) di livello I, così da consentire agli attuali titolari di ADRs TIM la possibilità di continuare a detenere le proprie partecipazioni con questa modalità.

 

TIM, tutti i dettagli della procedura di delisting volontario dal NYSE

Gli ADRs di livello I sono oggetto di negoziazione negli USA fuori mercato. TIM procederà a comunicare al NYSE la propria volontà di avviare il delisting e successivamente intende depositare presso la U.S. Securities and Exchange Commission (SEC) il corrispondente Form 25: da quel momento, gli ADSs TIM non saranno più negoziati al NYSE.

Successivamente al delisting dal NYSE, la società di telecomunicazioni intende depositare il Form 15F e chiedere alla SEC la deregistration di tutte le classi di suoi strumenti finanziari a oggi registrati, incluse le obbligazioni registrate negli USA emesse dalla controllata totalitaria TI capital S.A. e garantite da TIM.

Leggi anche:  TIM stuzzica gli utenti di Vodafone con un'offerta dedicata

Con la deregistration, TIM chiederà la cessazione degli obblighi informativi ai sensi del U.S. Securities Exchange Act del 1934. Ovviamente l’operazione non avrà conseguenze sulla quotazione e sulla negoziazione delle azioni ordinarie e di risparmio dell’operatore presso Borsa Italiana.

L’operatore telefonico si riserva di ritardare l’effettuazione degli adempimenti volti al delisting e/o alla deregistration, e/o rinunciarvi prima che divengano efficaci, e/o modificare i propri programmi in materia. La decisione di procedere con il delisting presso il NYSE è funzionale a obiettivi di semplificazione e risparmio di costi.

TIM rimarrà soggetta alla disciplina di Borsa Italiana e a tutta la normativa applicabile alle società quotate in Italia.