Aston-Martin-Valkyrie

Le gare prototipo a Le Mans andranno via, e al loro posto ci sarà una nuova classe di gare di alto livello. Toyota ha già discusso il suo desiderio di entrare in questa classe, e ora, anche Aston Martin è pronta a lanciare il guanto di sfida.

La società ha annunciato venerdì che intende lanciare una versione modificata della sua Valkyrie nella prossima classe Hypercar del campionato FIA World Endurance. Questa serie non inizierà prima della conclusione della 24 Ore di Le Mans del prossimo anno, ma sembra che Aston Martin sia pronta a scattare a terra con l’auto più audace che sia mai stata costruita.

A partire dal 2020/2021 nella “Super Stagione”, Aston Martin schiererà almeno due Valchirie attraverso il suo programma di corse. Verrà usato un V12 da 6,5 ​​litri, così come il suo trim AMR Pro solo per il modello pista. Inoltre, la sua costruzione in fibra di carbonio significa che è molto leggera.

 

I commenti del CEO

“Abbiamo sempre detto che avremmo portato un giorno l’Aston Martin a Le Mans con l’intenzione di vincere, e questa è la volta giusta“, ha dichiarato Andy Palmer, Presidente e CEO di Aston Martin Lagonda, in una dichiarazione. “David Brown è arrivato qui nel 1959, con una macchina e un team di piloti in grado di vincere, e intendiamo fare lo stesso nel 2021.”

Ci vorrà probabilmente del tempo prima di ricevere altre info sulla Valchiria spec. Di Le Mans, ma i numeri sono decisamente dalla sua parte. La Valkyrie utilizza un propulsore ibrido che eroga una potenza di 1.160 cavalli netta e 664 di coppia. Il motore arriva a 11.100 giri / min. e verranno costruiti solo 150 modelli Valkyrie standard, mentre la Valkyrie AMR Pro, esclusivamente per pista, è limitata a sole 25 auto.