whatsapp qualità foto ridotta drasticamente

Scambiarsi le foto ricordo tramite WhatsApp è uno dei momenti più divertenti dell’estate, ma in pochi sanno che l’applicazione distrugge la qualità delle immagini una volta transitatevi.

Infatti, per fare economia di memoria e traffico dati, l’applicazione di messaggistica più famosa al mondo riduce volutamente le qualità e le dimensioni delle immagini che vengono caricate nelle chat. La compressione applicata sulle foto è talmente forte che quello che arriva a destinazione è spesso solo un lontano ricordo dell’immagine originale. Il danno è divenuto preponderante per le famiglie, soprattutto se WhatsApp sta sempre più vestendo il ruolo di archivio dei ricordi.

L’applicazione opera in questo modo perché tratta le immagini alla stregua di messaggi più ricchi del semplice testo: quello che conta è veicolare l’emozione, l’informazione al destinatario. Quindi, proprio perché lo scopo finale dell’app non è quello di condividere fotografie, WhatsApp abbatte sostanzialmente lo spazio richiesto dalle immagini fino a una dimensione accettabile.

 

WhatsApp: in serio pericolo le foto degli utenti, si passa a Telegram

Pertanto, tutte le fotografie vengono ridotte a un volume di circa 1,5 MP, anche se la fotocamera le ha scattate a una risoluzione di 12 o 48 Megapixel. La nuova dimensione resta compatibile per il display di uno smartphone ma, appena la si vuole vedere più grande o si apre su schermi come il PC, la foto risulta sgranata.

Oltre la dimensione ridotta, alle foto viene anche applicato un livello di compressione veramente ingombrante. In più, se una foto salvata da Whatsapp viene ricondivisa sempre tramite l’app, la sua qualità degrada ulteriormente a ogni passaggio (provare per credere). Ci si salva da ulteriori compressioni se, invece di salvarla, la foto viene inoltrata e rimandata a un altro destinatario. Ma molte volte ciò non viene fatto in ragione di voler condividere un qualcosa che non sia originale al destinatario.

Che fare quindi? Il consiglio è quello di condividere le immagini utilizzando servizi o applicazioni esterne a Whatsapp. Un esempio è l’utile Google Foto con cui è possibile caricare fotografie fino a una risoluzione di 16 Megapixel. Successivamente, si può condividere via WhatsApp il link con le immagini condivise da Google Foto.