iOS 13Il 2019 per Apple è uno degli anni più interessanti grazie al nuovo iOS 13 che potrebbe persino ‘ingelosire’ gli utenti Android. Ecco quindi alcune delle prossime funzionalità iOS che vorremmo avere anche su Android.

Accesso con Apple

Il nuovo Accedi con Apple ha la stessa convenienza del login con Google ma è costruito pensando alla privacy. Sarete in grado di accedere a qualsiasi app con Touch ID o Face ID, il vostro indirizzo e-mail non verrà inserito da nessuna parte. Per i fornitori che desiderano avere un’e-mail a portata di mano, Apple ti permette di condividere l’indirizzo email corretto o di nasconderlo dando un indirizzo che rimanda al vero indirizzo.

Modalità Dark automatica

iOS 13 introduce una modalità Dark a livello di sistema, ma a differenza di Android Q può essere attivata automaticamente. Si può settare la funzione dal tramonto all’alba o in altri orari specifici. Ad esempio, è possibile attivare la modalità Dark alle 22.00 e tornare alla modalità più luminosa alle 7:00, o viceversa.

Ricarica della batteria ottimizzata

Il nuovo iOS evita di lasciare lo smartphone completamente carico per un lungo periodo di tempo, il che è noto possa degradare la batteria. Il dispositivo si caricherà fino all’80% e attenderà per il restante 20% prevedendo il momento in cui l’utente scollegherà l’apposito caricabatterie.

Nuove mappe di iOS 13

Apple Maps è stato a lungo lo zimbello degli utenti, sia iOS sia Android. Oltre a mappe più dettagliate, si accederà ai preferiti semplicemente scorrendo verso l’alto. Inoltre, mentre Google Maps si concentra sull’esplorazione di luoghi intorno a te, Apple consente di raggiungere i luoghi preferiti, elenchi e ricerche recenti. Un’altra aggiunta è il nuovo Look Around di Street View, che unisce le immagini della vita reale con i dati delle mappe. Non solo consente di visualizzare la strada reale e spostarti senza difficoltà come se fossi lì, ma sovrappone anche i luoghi di interesse con le immagini.

Trovare il dispositivo offline

Con le nuove funzionalità di Find My di Apple, gli utenti saranno in grado di ottenere le posizioni dei propri dispositivi anche se non sono online. L’iPhone o Macbook o iPad trasmetterà la posizione, in modo crittografato e anonimo, ad altri dispositivi Apple vicini, grazie al Bluetooth.

Screenshot dell’intera pagina

iOS e iPadOS supportano una nuova modalità Pagina intera per gli screenshot, in cui si tocca semplicemente un pulsante e l’intera pagina visualizzata (pagina Web, documento, nota lunga, app che scorrono verticalmente, ecc.) viene salvata. Nessuna animazione o scorrimento manuale necessario.

App Promemoria con iOS 13

Il sistema Promemoria di Google esiste da anni, ma è irregolare, confuso, distribuito su più app e così via. Mentre l’app promemoria di Apple è l’opposto. Adesso ci sono nuovi colori e nuove funzioni, tra cui gli elenchi intelligenti. C’è anche un meccanismo di analisi intelligente che comprende luoghi e orari, come “andare in palestra ogni mercoledì alle 20:00”. Un’altra novità è una barra degli strumenti rapida per assegnare un orario, una posizione, una bandiera o un allegato a qualsiasi promemoria, inclusi elementi come lasciare il lavoro o tornare a casa. E la ciliegina sulla torta è una migliore integrazione con altri servizi, come taggare una persona in un promemoria, in modo che la prossima volta che invii un messaggio ricevi una notifica su ciò che devi ricordare di dire.

Editing dei video

Forse la funzione più impressionante, ma meno discussa del WWDC, è il nuovo video editor di iOS 13. Introdotte la rotazione e il flipping, tutti i tipi di filtri ed effetti, molte opzioni per il ritaglio verticale o orizzontale e qualsiasi rapporto tu desideri, e infine un semplice pulsante di ripristino che ti riporta al video originale, anche se avevi già salvato i tuoi progressi. È questo livello di editing video potente che sogniamo di avere su Google Foto. Invece, in tal caso, l’app gestisce solo la stabilizzazione, la rotazione e il taglio, ognuno dei quali crea un nuovo video.

Galleria fotografica intelligente

Google Foto è incredibile, non fraintendete, ma vedere le nuove modalità di visualizzazione di iOS per l’app Foto fa avere ripensamenti. Infatti, sarà possibile – in un colpo solo – rimuovere duplicati e schermate, per concentrarsi solo sulle foto più interessanti. Ancor più impressionante è la visione annuale contestuale e interattiva. Evidenzia i punti salienti degli anni passati. Se è il compleanno di qualcuno, ad esempio, tutte le anteprime delle visualizzazioni annuali si concentreranno su questo e ti consentiranno di accedere rapidamente alle foto dei compleanni precedenti. Sono assegnati automaticamente i nomi agli eventi in base al luogo o alla festa o al concerto; e tutte le miniature sono anteprime dinamiche di video e Live Photos senza nemmeno cliccare nulla. Al contrario, Google Photos ha un’interfaccia meno dinamica.

Impostazioni del browser

Safari in iOS 13 sta apportando un sacco di piccole ma belle modifiche che vorremmo vedere in Chrome. La modalità Reader, che mostra il desktop o il sito per dispositivi mobile, e i blocchi dei contenuti potrà essere impostata in base al sito. Un’altra novità è un pop-up che chiede se si desidera ridimensionare un’immagine prima di caricarla. Infine, Safari avrà segnalibri con più schede. Pensa a questo come ai gruppi di schede di Chrome con i segnalibri in alto, in modo da poter scegliere alcune schede, salvarle insieme, chiuderle e quindi essere in grado di riaprirle tutte in una volta.

Leggi anche:  iOS 13: rilasciata la Beta 2, ecco tutte le novità

Tempi di utilizzo su iOS 13

Screen Time (tempi di utilizzo) è l’equivalente Apple di Digital Wellbeing su Android e con iOS 13 ha ricevuto alcuni miglioramenti. Supponiamo che tu voglia trascorrere solo un’ora con giochi, social network o app di messaggistica. Puoi selezionare più app in ogni categoria o/e impostare un limite generale per tutte. In questo modo puoi dividere il tempo assegnato come ritieni opportuno ogni giorno.

Condivisione hotspot 

Quando viaggi, o sei fuori casa per un qualsiasi motivo, e sei una delle poche persone con una connessione dati, la tua famiglia potrebbe iniziare a tormentarti per condividerla con loro. Creare un hotspot è facile, ma dare la password a persone diverse può essere fastidioso, quindi iOS ha aggiunto un’opzione di condivisione familiare per consentire ai membri iCloud della stessa famiglia di connettersi automaticamente all’hotspot del dispositivo senza dover configurare una nuova rete WiFi o inserisci una nuova password.

Lyrics mentre si ascolta la musica

Ci sono dozzine di app che possono fare questa particolare cosa su Android, ma avere la funzionalità per l’app musicale nativa è molto meglio. Quindi siamo decisamente invidiosi della nuova capacità di iOS di visualizzare i testi in sincronia con la musica. Trattasi del risultato dell’acquisizione di Shazam da parte di Apple. Puoi anche toccare qualsiasi sezione dei testi per saltare a quella parte della canzone.

Shortcuts di Siri

Non ci sono molte funzionalità Siri che mancano a Google Assistant, ma Shortcuts è sicuramente una di queste. La funzione può essere integrata in app di terze parti, risparmiando molti clic ripetitivi per le attività che esegui frequentemente e ora è integrata in iOS 13. Inizierà anche a suggerirti alcune automazioni analizzando le tue abitudini, quindi devi solo approvare e andare avanti. Dunque integrazione profonda delle app.

Condividere riproduzione audio con un’altra persona

La nuova capacità di iOS di condividere l’audio con gli AirPod di qualcun altro, senza prima accoppiarli, disconnettere nulla o mettere in pausa la musica per cominciare. Due persone, due serie di Airpod, la stessa riproduzione audio.

Aggiunte per iPadOS

Mentre Google ha completamente abbandonato l’idea di Android su tablet, Apple continua a progredire con il suo iPad. Al WWDC, al dispositivo è stato assegnato un proprio sistema operativo, separato da iOS. Anche se non ha senso fare un confronto diretto con Android, non possiamo fare a meno di guardare oltre e pensare a cosa avrebbe potuto essere. Il nuovo iPadOS offre due modalità di multitasking: Slide Over, e Split View. Questo è il multitasking a livello di desktop, qualcosa che né Android né Chrome OS hanno.

Altre aggiunte includono gesti per selezionare testo, copiare, tagliare, incollare, annullare e ripetere; una tastiera mobile che può essere spostata su tutto lo schermo; una vista a colonne in File per sfogliare strutture di file complicate, vedere le miniature, eseguire azioni rapide e controllare i metadati contemporaneamente; e la possibilità di utilizzare l’iPad come secondo display per un Mac, cablato o wireless, incluso il supporto per il tocco e l’input.

HomeKit Video e router

Apple ha inoltre annunciato due nuove funzionalità di HomeKit per router e telecamere di sicurezza. Il primo consente di firewallare ogni dispositivo e ogni accessorio in modo che qualsiasi compromissione su uno non influenzi gli altri, e il secondo consente di analizzare localmente il video registrato su iPad, Apple TV e HomePod esistenti in casa, quindi inviato completamente crittografato a iCloud. Ciò significa che solo tu puoi vedere il video e né i fornitori di telecamere né Apple possono accedervi.

Aggiunte per watchOS

Infine, watchOS, che ha una nuova funzionalità di monitoraggio del ciclo femminile con notifiche, un’app di misurazione del rumore in grado di rilevare ambienti rumorosi e abitudini per informarti se hai mantenuto i tuoi standard negli ultimi 90 giorni rispetto all’intero anno, o se stai rallentando o migliorando.

Per concludere ricordiamo che, indubbiamente, tutto ciò non implica che Android vada dimenticato per sempre. Resta un sistema valido, funzionale e tra i migliori. Tuttavia, non si può negare quanto Apple abbia lavorato sodo negli ultimi anni per migliorare il proprio sistema operativo. Anzi, al momento iOS 13 non solo è alla pari di Android ma per molti aspetti è probabilmente superiore.