Huawei-Mate-9-app-gallery-sviluppatori-appCon poco più di un mese prima che il divieto di Huawei riprenda pieno effetto, la compagnia potrebbe essere pronta per preparare tutto ciò di cui ha bisogno su tutti i fronti. Questo comprende il supporto da parte dei principali attori di mercato.

Parte di quest’ultima sembra includere il tentativo di convincere gli sviluppatori di app Android a pubblicare il software sul proprio app store. Naturalmente, la società si prepara senza dubbio al passaggio da Google.

Huawei vuole popolare la sua AppGallery

Non sorprende che Huawei provi a farlo. In effetti, potrebbe aver tentato in modo subdolo di contattare gli sviluppatori di app prima nel tentativo di popolare il proprio ecosistema con qualcosa di più delle app cinesi con cui è pieno. Il tempismo e la formulazione, tuttavia, rendono la sua vera motivazione tutt’altro che sospetta.

Secondo l’email trapelata condivisa con XDA, Huawei presenta l’offerta come un’opportunità per gli sviluppatori di app di raggiungere 350 milioni di telefoni spediti negli ultimi 2 anni. La stessa Huawei ammette che metà di quelle sono disponibili nel mercato occidentale, il che significa che circa 175 milioni non lo sono.

Leggi anche:  Android: 8 applicazioni gratis solo oggi sul Play Store impazzito di Google

Si vanta anche di avere già 560.000 sviluppatori su AppGallery, ma la maggior parte di questi sono probabilmente anche sviluppatori cinesi. Molto probabilmente include anche sviluppatori che sono diventati “silenziosi” nel corso degli anni.

L’email arriva in un momento in cui Huawei sta per perdere la sua capacità legale di spedire i telefoni con Google Play, che include l’intera gamma di servizi, app e, ovviamente, Google Play Store. Avere le stesse app popolari disponibili nel proprio store AppGallery aiuterà almeno a facilitare la transizione.

Queste app, tuttavia, devono essere adattate per tenere conto del fatto che non avranno strutture come Google Cloud Messaging che potrebbero aver utilizzato dietro le quinte. Questa notizia conferma una cosa, però. Il cosiddetto ArkOS di Huawei sarà infatti basato su Android se chiederà agli sviluppatori di pubblicare semplicemente le loro app sul proprio store. O quello, o Huawei miracolosamente ha sviluppato un livello di compatibilità tra il suo sistema operativo personalizzato e le app Android.