4G bug sicurezza Iliad TIM Wind Tre Vodafone MVNO

Da decine di anni, ormai, siamo tutti passati all’utilizzo dello standard di rete mobile veloce chiamato 4G. Tutti i giorni, infatti, miliardi di persone accedono alla rete 4G per svolgere qualsiasi tipo di operazione. A quanto pare, però, il 4G sta iniziando a perdere colpi. Secondo alcuni studi importanti, infatti, sembra che quest’ultimo abbia al suo interno una grave falla che compromette ogni giorno l’integrità dei dati personali delle persone e, quindi, anche di tutti i clienti Tim, Wind, Tre e Vodafone.

Anche se inizialmente potrebbe sembrare una fake news, sappiate che in realtà è tutto reale. Pare infatti che alcuni Hacker abbiano già utilizzato questo bug per accedere ai dati personali delle vittime. Scopriamo di seguito, quindi, cosa sta succedendo.

Addio 4G? Il pericolo aumenta sempre più

La falla, scoperta recentemente da alcuni studi effettuati dalle rinomate università Ruhr-Universität Bochume New York University Abu Dhabi, pare essere più pericolosa del previsto poiché sembra essere diffusa in 3 protocolli diversi.

Leggi anche:  4G: una falla rende vulnerabile Tim, Wind, Tre e Vodafone

Attraverso la falla scoperta, quindi, gli Hacker più esperti potrebbero provare a lanciare sui nostri Smartphone i seguenti attacchi informatici:

  • rilevazione della posizione del gps;
  • ascolto delle chiamate;
  • trafugamento di dati personali;
  • invio di falsi allarmi;
  • furto di identità.

La falla scoperta, diffusa quindi in ben 3 protocolli diversi, fa si che il bug sia molto pericoloso. A quanto pare, infatti, essendo alla base del sistema, la falla non è riparabile in nessun modo. Ciò significa, quindi, che per tornare in sicurezza non ci resta che aspettare l’arrivo del 5g