mars-nasa

Il Mars Helicopter della NASA, che è esattamente quello che il nome suggerisce, ha recentemente concluso un altro set di test importanti e dovrebbe essere integrato con il rover per il lancio di Mars 2020 questa estate. Ottenere un’imbarcazione più pesante dell’aria per volare su Marte è difficile perché l’aria marziana è molto più sottile di quella terrestre.

All’inizio di quest’anno, JPL ha condotto test sull’elicottero in “un ambiente marziano simulato” che ha portato l’elicottero da temperatureche oscillavano da meno 130 gradi Fahrenheit e lo ha fatto volare in una camera a vuoto che simulava l’aria marziana. Era anche collegato a un cordino “motorizzato” per aiutare a simulare la gravità marziana. Alcuni dei test sono stati effettuati per garantire che l’elicottero Mars potesse sopravvivere alle condizioni che avrebbe sperimentato durante un vero lancio.

Leggi anche:  Su Marte scoperto un simbolo di Star Trek: la scoperta impazza sul web

Questo veicolo promette di non fallire anche in condizioni estreme

L’elicottero Mars successivamente è tornato al JPL, dove è stato potenziato con  un nuovo pannello solare. La NASA vuole soprattuto dimostrare che è possibile pilotare a distanza un drone marziano dalla Terra, abbattendo anche i rischi futuri di incidenti per gli astronauti.

La missione Mars 2020 è ancora in programma per il lancio nel luglio 2020 e arriverà su Marte il 18 febbraio 2021. Nessun civile è ancora autorizzato al viaggio, ma si può inviare il nome che sarà inciso su un chip di silicio che verrà inserito a bordo. La destinazione principale della missione è il cratere di Jezero, dove la NASA spera che il suo rover possa trovare segni di vita antica.