La scorsa settimana, i comitati del Congresso e il Dipartimento di Giustizia hanno aperto sonde antitrust in alcune delle più grandi società tecnologiche negli Stati Uniti. Tra esse: Amazon, Alphabet, Apple e Facebook. Le quattro società sapevano che sarebbe successo.

I dirigenti delle società citate hanno adottato un approccio “di attesa”. Adesso, invece, stanno iniziando a intensificare i loro sforzi di lobbying. Oltre all’assunzione di più avvocati per aiutare a combattere i legislatori. Quando si tratta di Google e di Alphabet, non è niente di nuovo. La società sta affrontando sonde antitrust e multe in tutto il mondo, soprattutto nell’Unione Europea, ultimamente. Anche se, secondo Bloomberg, il Dipartimento di Giustizia non ha ancora parlato con Google delle decisioni prese.

Quattro colossi della tecnologia – Amazon, Google, Facebook e Apple – dovranno scontrarsi con l’antitrust

Nelle ultime settimane, le quattro società hanno puntato molto il dito, affermando che i loro concorrenti fanno di peggio. Apple è stata l’ultima a farlo. Questo perché Apple ha avuto il suo WWDC pochi giorni dopo l’annuncio del governo. Apple ha anche pubblicato alcuni grafici che mostrano che ha concorrenti nel proprio app store. Trump ha preso di mira molte di queste società. Si è scontrato, ad esempio, contro Amazon, per – presumibilmente – sfruttare l’ufficio postale per ottenere tariffe più economiche per la spedizione.

Leggi anche:  Amazon: un nuovo trucco infallibile sconta tutti i prodotti

Il presidente degli USA ha anche attaccato Google per una copertura ingiusta di lui in Google News e nei risultati di ricerca. Facebook non è stato colpito troppo duramente da Trump, ma ha ottenuto la sua giusta dose di critiche da parte dei leader del Congresso. Poi c’è Apple. Trump era amico del CEO di Apple, Tim Cook. Ma dal momento che Cook si è rifiutato di riportare la produzione negli Stati Uniti fuori dalla Cina, Trump avrebbe probabilmente detto la sua anche su questo. Aziende come Amazon e Alphabet in particolare, sono ovunque. Ed è chiaro che c’è sicuramente l’intervento antitrust. Ma è anche il caso di Facebook e Apple, anche se in misura minore.