Wind

Sta continuando la così chiamata “campagna di bonifica documentale” effettuata dall’operatore Wind in questi giorni, nei confronti di alcuni clienti in possesso di una SIM attivata nel mese di gennaio 2019.

L’operatore più precisamente, sta comunicando a questi clienti che, i documenti sono caratterizzati da alcune anomalie che potrebbero comportare la disattivazione della propria SIM Card. Invita quindi i clienti in questione ad attivarsi per evitare qualsiasi disattivazione. Ecco i dettagli.

 

Wind comunica alcune anomalie nei documenti

L’iniziativa promossa dall’operatore anche in passato, consiste nell’invio di un SMS con l’invito a recarsi, nel più breve tempo possibile, in un qualsiasi punto vendita Wind per risolvere l’anomalia nella documentazione. Il mancato adempimento da parte dei clienti coinvolti, comporterebbe la sospensione del servizio e successivamente la definitiva disattivazione.

Ecco il contenuto del messaggio che l’operatore sta inviando: “Gentile Cliente, è necessario aggiornare i dati relativi a questa SIM. Ti invitiamo pertanto a recarti presso un qualsiasi Negozio Wind entro 15 giorni con un documento d’identità in corso di validità. In caso di mancato riscontro entro i tempi indicati, Wind Tre dovrà provvedere suo malgrado alla sospensione del servizio fino all’avvenuta regolarizzazione. Per trovare il negozio Wind più vicino puoi consultare la sezione dedicata di wind.it. Grazie per la collaborazione“.

Leggi anche:  Wind: in commercio quattro offerte che lasciano senza fiato i clienti

Il cliente, come riportato nel messaggio, ha tempo 15 giorni dal momento in cui lo riceve. La procedura è molto semplice, basta visitare un qualsiasi punto vendita autorizzato, muniti del proprio documento di identità in corso di validità. Passati i 15 giorni di termine previsti, Wind procederà all’invio del secondo SMS che recita: “Gentile Cliente i dati di questa SIM non risultano ancora aggiornati, per cui stiamo provvedendo alla sospensione della tua SIM. Ti invitiamo nuovamente a recarti presso un qualsiasi negozio Wind con un documento d’identità in corso di validità per regolarizzare la tua posizione. In caso di mancata regolarizzazione, trascorsi ulteriori 10 giorni dalla sospensione, Wind Tre dovra’ provvedere suo malgrado alla disattivazione della tua SIM Wind. Per trovare il Negozio Wind piu’ vicino puoi consultare la sezione dedicata di wind.it. Grazie per la collaborazione“.

Questo secondo messaggio ha lo scopo di ricordare al cliente di recarsi presso un punto vendita, che nel frattempo potrebbe già non più essere in grado di utilizzare la propria SIM, perché sospesa. La disattivazione definitiva avverrà dopo 10 giorni la sospensione.