asus-zenfone-nome-vietato

Asus non è considerato uno dei maggiori produttori di smartphone, anche per il fatto che è relativamente recente la sua entrata in tale mercato, ed è un peccato. I suoi dispositivi non hanno niente in meno rispetto ai nomi più blasonati, basta guarda anche lo ZenFone 6, ma in ogni caso non è questa la notizia di oggi. Purtroppo per questa compagnia una corte in India ha deciso in suo favore che non potrà più commercializzare nel paese gli ZenFone e in realtà niente che inizi con Zen.

A decidere è stata l’Alta Corte di Delhi la quale ha decretato che la parola Zen in ambito commerciale appartene a Telecare Network la quale aveva presentato reclamo diverso tempo fa. Quest’ultima è una compagnia nata nel 2008 periodo nel quale aveva depositato il marchio Zen e ZenMobile. Asus ha cercato di difendersi sostenendo che Zen è una parole con radici nel buddismo e che quindi non poteva appartenere ad un’azienda, ma la corte ha comunque deciso in favore della piccola società locale.

 

Che nome userà Asus per i suoi ZenFone?

L’impossibilità di usare il nome iconico potrebbe sembra una cosa da niente per Asus, ma invece potrebbe causa profonda confusione nel consumatore indiano. Le opzioni al momento sono poche e sperare che la nuova udienza che si terrà il 10 luglio ribalterà le sorti di quest’altra. Se così non fosse dovrà cercare un nuovo nome per poter commercializzare i propri dispositivi nel paese i quali erano arrivati per la prima volta nel 2014. A rendere le cose anche più fastidiose c’è il fatto che lo ZenFone 6 sarebbe dovuto arrivare a giorni, ma adesso tutto il processo è stato messo in standby.