E’ possibile registrare una chiamata telefonica o si rischia di violare la privacy del soggetto registrato? Per alcuni può sembrare strano, eppure registrare una chiamata in Italia è del tutto legale, a patto che sia chi partecipa attivamente alla conversazione telefonica ad effettuare la registrazione.

Secondo la Corte di Cassazione, poi, la registrazione di una chiamata telefonica non viola la privacy dei soggetti registrati dal momento in cui la registrazione non farebbe altro che memorizzare, in formato digitale, ciò che già appartiene al patrimonio di conoscenza degli individui perché captato dall’udito.

Detto ciò, per registrare una chiamata telefonica basta scaricare su uno smartphone Android un’applicazione che funge da registratore. Il Play Store di Google offre davvero tante soluzioni, ma tra queste, una in particolare è apprezzata per la sua semplicità d’uso, la sua efficacia e la sua interfaccia intuitiva: Registratore di chiamate.

Leggi anche:  Xiaomi ha finalmente presentato Mi Band 4 con molte più funzionalità

Android: come registrare una chiamata telefonica in modo completamente legale

Registratore di chiamate conta quasi due milioni di download, è un’app facile da utilizzare e dall’interfaccia intuitiva.

Per iniziare a registrare le chiamate telefoniche con Registratore di chiamate, occorre anzitutto abilitare la voce “Registra chiamate” dall’area Impostazioni dell’app. L’applicazione offre diverse opzioni, tra cui la possibilità di scegliere il formato audio della registrazione (è consigliato l’MP4) ed impostare dei filtri di registrazione.

Mentre si è in chiamata con qualcuno, si avrà modo di notare un bollino rosso nella barra delle notifiche, ciò accerta che la registrazione è in corso. Terminata la chiamata, basterà cliccare sulla voce “Nuova registrazione” dalla barra delle notifiche e scegliere poi l’opzione “Salva” per memorizzare il file audio sullo smartphone.