fisco-nuovi-controlliOggigiorno sempre più spesso si sente parlare di accertamenti fiscali e dei nuovi controlli da parte del Fisco. I correntisti Unicredit, San Paolo e BNL potrebbero a breve ricevere nuovi aggiornamenti da parte dell’Agenzia delle Entrate, il tutto al solo scopo di prevenire l’evasione delle tasse.

I truffatori potrebbero avere infatti le ore contate. Il Fisco ha già iniziato ad operare grazie a una serie di controlli rigidi e con regole ferree. Il Decreto Dignità renderà impossibile la truffa ai danni dello Stato.

Accertamenti sempre più frequenti per i correntisti Unicredit, BNL e San Paolo

Il Fisco potrà verificare la corrispondenza fra la dichiarazione dei redditi dei contribuenti con le spese che solitamente essi fanno nell’arco di un anno.

L’Agenzia delle Entrate controllerà se il tenore di vita del contribuente sia (oppure no) superiore del 20% rispetto alla media delle entrate guadagnate. Il Fisco quindi, opererà con tutti i mezzi necessari per capire “il gap” economico fra le entrate e le uscite all’interno del patrimonio dell’intera famiglia.

I soggetti indagati dovranno poi dimostrare mediante prove a supporto della loro buona fede, che le spese “di lusso” sono ampiamente in linea con “le entrate” economiche della famiglia.

Il redditometro avvertirà la sospetta possibile truffa non appena verrà effettuato l’acquisto di un’automobile di lusso o di un immobile. Oppure ancora, nel caso di depositi in banca cospicui, generosi e frequenti. Tali spostamenti potrebbero costituire un metodo veloce ed economico per la gestione dei guadagni ricavati da lavori “in nero”. Soltanto in ultima analisi verranno controllate le spese minori: tecnologiche, di salute, gli acquisti per gli animali domestici e i viaggi.