Google ha programmato la rimozione delle API che utilizzano le estensioni di blocco dei contenuti, inclusi i blocchi degli annunci pubblicitari (ADBlock, ad esempio). Sia gli utenti che gli sviluppatori hanno inoltrato i loro reclami all’azienda.

L’attuale piattaforma utilizzata dalle estensioni di Chrome si chiama Manifest V2, introdotta nel 2012. Google ha lavorato su Manifest V3 per un po’ di tempo, con nuove funzionalità e modifiche per i browser esistenti. La modifica che ha ricevuto critiche è stata la sostituzione dell’API webRequest esistente, utilizzata da ogni estensione di blocco dei contenuti, con un’API dichiarativeNetRequest più limitata. Invece delle estensioni che eseguono autonomamente il filtro di rete, forniscono un elenco di filtri analizzato da Chrome stesso. Molti sviluppatori, in particolare il creatore di uBlock Origin e uMatrix, si sono espressi contro le modifiche proposte.

Presto non sarà più possibile bloccare gli annunci pubblicitari su Google Chrome

Google ha passato gli ultimi mesi a pensarci su, ma la società si attiene al suo piano. “Chrome sta deprecando le funzionalità di blocco dell’API webRequest in Manifest V3,” un avvocato degli sviluppatori di Google ha scritto in un post sul forum “non l’intera API webRequest (il blocco sarà ancora disponibile per le implementazioni aziendali).” In altre parole, i blocchi dei contenuti dovranno passare alla nuova API limitata a un certo punto o smetteranno di funzionare.

Google ha continuato a sottolineare i miglioramenti apportati alla nuova API dichiarativeNetRequest da quando è stata introdotta per la prima volta. Le estensioni saranno in grado di agire in due modi: durante l’installazione e durante l’esecuzione. Il limite attuale è 30.000 durante l’installazione, 5.000 durante l’esecuzione. L’azienda ha detto nel post sul forum: “Stiamo pianificando di aumentare questi valori ma non avremo numeri aggiornati fino a quando non eseguiremo test delle prestazioni.” Ad esempio, EasyList (il set principale utilizzato dalla maggior parte degli adware) attualmente ne ha circa 76.000.