Canone RAI abbonamento RAI

Se c’è stata una tassa maggiormente evasa in Italia, storicamente il primato va al Canone RAI. Ma a partire dal 2016, un decreto legge ha modificato l’assetto della riscossione della tassa, inserendo il canone RAI direttamente nella bolletta dell’energia elettrica.

Mossa astuta e decisamente efficace. Tuttavia, questo nuovo assetto ha comportato una serie di nuove domande su come trattare la materia legale della tassa, specialmente per quel che riguarda l’esenzione del canone.

In precedenza, l’abbonamento alla televisione italiana (analogica e poi digitale) aveva un bollettino apposito che veniva spedito a casa e che, di conseguenza, veniva spesso cestinato dagli evasori cronici. Ora, l’inserimento in bolletta energetica la rende non solo obbligatoria ma in un certo senso dittatoriale.

Questo perché, d’altra parte, ora vi basta accendere un contratto d fornitura di energia elettrica per ritrovarvi subito il canone RAI addebitato. Ma di per sé è un criterio presuntuoso che non può determinare a priori chi debba pagare la tassa. Ma qui lo Stato italiano si è fatto furbo, e nella legge che disciplina l’esazione del canone vale il principio di “presunzione di detenzione dell’apparecchio televisivo“.

Leggi anche:  Canone RAI: ecco come fare per non doverlo più pagare

Abbonamento Rai: chi può beneficiare dell’esenzione

Ma ci sono anche modi totalmente legali per non pagare il canone Rai. La possibilità per l’intestatario di chiedere l’esenzione aumentano al soddisfare uno di questi requisiti:

  • Possedere un’età pari o superiore a 75 anni e un reddito pari o inferiore a 6.713,98 euro;
  • Essere un agente problematico (come dettato dall’art. 34 della Convenzione di Vienna del 1961);
  • Essere un dipendente consolare (sempre sulla base della Convenzione di Vienna);
  • Essere funzionario di un’organizzazione internazionale;
  • Essere un militare di cittadinanza non italiana e/o parte del personale civile straniero non residente in Italia appartenente alle forze armate della NATO.

Per richiedere l’esenzione è necessario inviare all’Agenzia delle Entrate il “modulo di dichiarazione di non detenzione, scaricabile da questo link.