ios-app-background-privacy

Quando l’Aggiornamento app in background è abilitato, alcune app iOS utilizzano questa funzione per inviare regolarmente dati alle società di monitoraggio. Questo secondo un esperimento sulla privacy del Washington Post che esplora la relazione tra app e società di monitoraggio.

Geoffrey Fowler del Washington Post ha collaborato con la ditta privata Disconnect ed ha utilizzato un software specializzato per vedere cosa faceva il suo iPhone e quando. E mentre non sorprende che le app utilizzino i tracker e condividano i dati degli utenti, la frequenza con cui le app hanno approfittato dell’aggiornamento in background per inviare i dati alle società di monitoraggio è sorprendente.

Le app inviavano dati come numero di telefono, email e altro ancora

Nel corso di una settimana di test, Fowler si è imbattuto in 5.400 tracker, per lo più trovati all’interno di app.  Disconnect gli ha detto che probabilmente avrebbe inviato 1,5 gigabyte di dati nel corso di un mese. I tracker all’interno delle app, per coloro che non conoscono, servono a scopi diversi. Alcuni analizzano il comportamento degli utenti per consentire alle app di semplificare le campagne pubblicitarie, combattere le frodi o creare annunci mirati.

L’app di consegna DoorDash, ad esempio, è stata trovata utilizzando nove fantastici tracker nelle sue app. Si condividendo dati come nome dispositivo, identificatore annuncio, dati accelerometro, indirizzo di consegna, nome, email e operatore telefonico.

DoorDash ha anche tracker di Facebook e Google Ad Services. Ciò significa che Facebook e DoorDash vengono avvisati ogni volta che si utilizza il servizio DoorDash. DoorDash non è l’unico a inviare dati di tracciamento. L’uso delle informazioni di tracciamento è una pratica standard, ma la maggior parte delle persone non sa che sta accadendo.

Leggi anche:  Apple potrebbe acquistare la divisione Modem tedesca di Intel

Non tutta la raccolta di dati è errata. Tuttavia, alcuni tracker raccolgono informazioni specifiche dell’utente e non forniscono informazioni chiare su quanto tempo sono archiviati o con chi è condiviso.

Non c’è un modo per sapere quali app utilizzano tracker

Come sottolinea Fowler, non c’è modo di sapere quali applicazioni utilizzano i tracker. Nemmeno quando tali dati vengono inviati dal tuo iPhone. Apple, inoltre, non fornisce strumenti che offrono agli utenti iPhone un modo per vedere quali applicazioni utilizzano i tracker e per quale scopo. Apple è stata contattata per un commento, ma ha fornito una risposta sulla privacy standardizzata.

“In Apple facciamo molto per aiutare gli utenti a mantenere riservati i propri dati”, afferma l’azienda in una nota. “L’hardware e il software Apple sono progettati per fornire sicurezza e privacy avanzate a tutti i livelli del sistema.”

“Per i dati e i servizi che le app creano autonomamente, le nostre linee guida per l’App Store richiedono agli sviluppatori di pubblicare chiaramente le norme sulla privacy e di chiedere agli utenti il ​​permesso di raccogliere dati prima di farlo. Quando apprendiamo che le app non hanno seguito le nostre Linee guida in questi aree, o facciamo cambiare app le loro pratiche o le rimuoviamo dal negozio “, dice Apple.

Gli utenti iOS preoccupati per le app che inviano dati, soprattutto di notte e senza conoscenza dell’utente, possono disattivare Aggiornamento app in background nell’app Impostazioni e possono utilizzare una VPN.