I prossimi iPhone di Apple potrebbero finalmente consentire l’utilizzo di due set di cuffie differenti con un solo dispositivo. L’azienda sta già lavorando a questo progetto per il nuovo iPhone 11.

Ciò potrebbe consentire a due persone di guardare lo stesso video su un solo telefono tramite le proprie cuffie senza doverle condividere. I vantaggi sarebbero molteplici. Le voci sulla nuova funzionalità provengono dal blog Apple MacOtakara ed è stata condivisa da MacRumors. Mentre il sito ha avuto un certo successo nel predire le future funzionalità degli iPhone, non ha dichiarato la fonte di tutte queste informazioni. Inoltre, non è chiaro se sia previsto che queste novità arrivino con il prossimo iPhone o quello che seguirà. Tra l’altro, la funzione è già disponibile su alcuni telefoni Samsung.

I prossimi iPhone potrebbero supportare la capacità di utilizzare contemporaneamente due set di cuffie

Questa funzionalità utilizza lo standard Bluetooth 5, già presente in alcuni iPhone recenti. Ciò significa che potrebbe essere abilitata sui telefoni esistenti tramite un aggiornamento software. Gli attuali iPhone sono già in grado di connettersi a una gamma di dispositivi Bluetooth contemporaneamente, in modo che gli auricolari possano essere utilizzati contemporaneamente ad un monitor di frequenza cardiaca, ad esempio. Sono inoltre in grado di riprodurre musica su vari altoparlanti contemporaneamente tramite WiFi, piuttosto che tramite Bluetooth, tramite la funzione AirPlay 2 di Apple.

Leggi anche:  Apple produrrà il nuovo Mac Pro in Texas, ecco tutte le indiscrezioni

Apple ha lavorato sodo per portare una serie di funzionalità audio wireless ai suoi iPhone, soprattutto da quando ha eliminato il jack per le cuffie e si è concentrato su prodotti come gli AirPods, che inviano musica senza bisogno di fili. Strumenti simili includono la funzione di “ascolto dal vivo” di AirPods, che consente ai microfoni del dispositivo di ascoltare il suono e quindi trasmetterlo agli auricolari wireless. Gli AirPods – e Powerbeats Pro simili – includono anche i chip Apple che li rendono veloci tra diversi dispositivi utilizzati dalla stessa persona.