facebookFacebook vuole unire Messenger, Instagram e WhatsApp in un’unica piattaforma. Essenzialmente creerebbe la più grande rete di messaggistica sul pianeta terra. Tuttavia, considerando gli ultimi scandali, è improbabile.

Si tratta solo di un report pubblicato dal Times, quindi non è stato ancora confermato nulla. Considerati i recenti problemi di privacy di Facebook, la combinazione di queste app non avverrà mai, o almeno per ora sembra impossibile. Non è un segreto che il 2018 di Facebook sia stato uno dei peggiori di sempre, anche il 2019 non è iniziato meglio. Il più grande è stato lo scandalo di Cambridge Analytica ad aprile. Ci sono stati altri scandali da allora, sebbene non della stessa entità. Non c’è motivo per cui noi, in quanto utenti, dovremmo dare loro più informazioni di quante ne abbiano già.

Unire Messenger e Instagram non sarà difficile, poiché puoi già collegare Facebook ad Instagram e persino accedere ad Instagram con Facebook. Con WhatsApp è un po’ più complicato. WhatsApp necessita di un numero di telefono per l’accesso. Il che è anche un problema per gli utenti, dato che non puoi usare WhatsApp su più di un dispositivo. Oppure, rovesciando la medaglia, cosa succede se hai aggiunto il tuo numero di telefono su Facebook anni fa e non hai più quel numero? Sarai collegato con quel numero su WhatsApp anche se non è più il tuo?

Poi c’è la crittografia. WhatsApp ha la crittografia tra le impostazioni predefinite. Mentre  Messenger ce l’ha ma gli utenti devono attivarla. Instagram non ha alcuna forma di crittografia. Anche se, Facebook ha anche dichiarato che abiliterà la crittografia end-to-end per impostazione predefinita su Messenger. La crittografia su tre diversi servizi con (probabilmente) tre diversi account sarà una problematica difficile da risolvere.

Leggi anche:  Twitter ha utilizzato numeri di telefono ed e-mail per annunci mirati

Mentre gli Stati Uniti sono relativamente silenziosi, l’UE rilascia dichiarazioni sulle intenzioni di Facebook

Nell’Unione Europea, gli organi antitrust stanno esprimendo le loro opinioni su questa potenziale fusione tra le tre app di messaggistica. Di fatto, la Commissione irlandese per la protezione dei dati chiede all’azienda un briefing urgente su ciò che viene proposto con questa fusione. L’Irish Data Protection Commission è l’ente che regola Facebook nell’Unione Europea, e mentre ha affermato di comprendere che i piani di Facebook sono ancora in fase di sviluppo iniziale, vuole cercare di anticipare ciò che accadrà, per evitare danni collaterali.

L’Unione Europea non aspetta di vedere cosa decide di fare Facebook. Questo potrebbe essere un altro esempio dell’UE che protegge davvero i consumatori di tutto il mondo da aziende come Facebook. Ora sappiamo perché i fondatori di Instagram e WhatsApp hanno lasciato l’azienda di recente. Il co-fondatore di WhatsApp, Jan Koum, ha lasciato la società ad aprile, mentre i co-fondatori di Instagram a settembre. I co-fondatori di Instagram se ne andarono piuttosto bruscamente. Hanno rilasciato dichiarazioni improvvise. Probabilmente erano contrari alle intenzioni manifestate dal fondatore di Facebook.