GlobalCoinSi avvicina il lancio di GlobalCoin, la criptovaluta ideata da Facebook. L’obiettivo è lanciarla entro il prossimo anno e tentare di surclassare il Bitcoin.

Nel mese di gennaio 2018, Facebook ha annunciato un divieto generale di tutti gli annunci relativi a bitcoin. Era una presa di posizione contro il cosiddetto mondo della criptovaluta. Ma segretamente, il social network stava in realtà pianificando la propria versione della valuta virtuale. Meno di un anno dopo, il divieto è stato revocato. Le voci sulla nuova criptovaluta iniziarono a circolare non molto tempo dopo. The Independent riferì per la prima volta la notizia a maggio 2018. Facebook ha rifiutato di commentare le ultime rivelazioni provenienti da un rapporto della BBC.

Come funzionerà GlobalCoin

Resta inteso che il valore di GlobalCoin sarà ancorato a una manciata di valute consolidate, come il dollaro americano e l’euro, al fine di evitare i problemi di volatilità dei prezzi che continuano a tormentare il bitcoin. Non è chiaro se la criptovaluta di Facebook sarà decentralizzata come bitcoin. “Le criptovalute sono aperte, decentralizzate, resistenti alla censura e senza frontiere – questo è completamente antitetico all’attuale concetto di business delle grandi aziende tecnologiche. Anche le app di messaggistica rivali stanno lavorando sulle proprie criptovalute. Ad esempio, Telegram prevede di lanciare la cosiddetta criptovaluta GRAM entro la fine dell’anno.

Leggi anche:  Facebook Film ti dice quali sono le pellicole in programmazione al cinema

Competere con la Cina

Tim Bird, avvocato aziendale e esperto di fintech, che in passato ha lavorato a stretto contatto con Facebook, ha affermato che credeva che GlobalCoin avrebbe dato a Facebook una nuova presa sui ricavi pubblicitari grazie alle enormi quantità di dati che poteva generare. “Da quando ho trascorso una giornata lavorando nel quartier generale di Facebook a Menlo Park, in California, tre anni fa, è stato evidente che sentono il bisogno di sfidare la Cina“, ha detto Bird a The Independent. “Per farlo, Facebook ha bisogno proprio di questo.”