I media e gli schermi sono onnipresenti. Molti sono preoccupati per la quantità di tempo che dedichiamo ai dispositivi. Il principe Harry ha recentemente suggerito che “i social media sono più avvincenti di droghe e alcol, eppure più pericolosi perché normalizzati, non ci sono restrizioni per la tecnologia”.

Ma le preoccupazioni non sono solo limitate all’uso personale. Molte scuole e luoghi di lavoro offrono contenuti in formato digitale. Questo stile di vita “sempre attivo” è dannoso. Molti di noi sono a rischio di “esaurimento digitale“. Siamo cronicamente stressati dall’iperconnettività. Il governo del Regno Unito ha recentemente riassunto ciò che sappiamo sull’impatto dell’uso della tecnologia sui bambini. Il governo australiano ha fatto lo stesso. Sappiamo, per esempio, che esiste una connessione tra l’uso di schermi e la minore capacità di attenzione e rendimento scolastico nei bambini. Inoltre, con lo sviluppo ritardato nei bambini, l’aumento della solitudine, lo stress, i sintomi depressivi tra adolescenti, l’aumento della pressione sanguigna e il rischio di diabete.

Quando agire

Sebbene esistano chiaramente correlazioni tra l’utilizzo dello schermo e problemi di salute psicosociale e fisica, la correlazione non significa causalità. Senza prove scientifiche definitive, possiamo permetterci di ignorare questi fattori? Dal punto di vista della salute pubblica, la risposta è no. Abbiamo abbastanza informazioni per sapere che è necessario agire. Il “principio di precauzione” è sufficiente. Anche senza consenso scientifico, i governi hanno il dovere di proteggerci. Gli interventi politici sono giustificabili laddove esiste anche un rischio plausibile.

La dipendenza dalla tecnologia agisce a nostra insaputa

YouTube è descritto come il “grande radicalizzatore” a causa dei sistemi di raccomandazione dei contenuti. Questo problema potrebbe essere risolto regolando i sistemi di raccomandazione dei contenuti e disabilitando la funzionalità di “riproduzione automatica” di YouTube per impostazione predefinita. Sappiamo anche che le aziende tecnologiche utilizzano strategie elaborate per tenere gli occhi sugli schermi. Sfruttando il sistema di ricompensa, hanno imparato come convincerci a cliccare e apprezzare ciò che vediamo. La “gamification” del marketing online e l’impegno nei confronti di prodotti o servizi arma le neuroscienze utilizzando il sistema di ricompensa per guidare il coinvolgimento continuo.

Leggi anche:  Addio 3G, la tecnologia Tim, Wind, 3 e Vodafone dovrà abbandonarci

Un problema più ampio è, come ha illustrato magistralmente lo scrittore tecnologico Shoshana Zuboff, il modo in cui i big data vengono raccolti e utilizzati contro di noi. Sappiamo che Google, Facebook, Amazon e altri giganti tecnologici raccolgono costantemente i nostri dati. Quindi li utilizzano per indirizzare gli utenti verso comportamenti e risposte particolari. Non ci sono soluzioni facili. Ciò di cui abbiamo urgente bisogno è il coraggio del governo. Ovviamente le aziende tecnologiche agiranno come i loro predecessori industriali. Lobbying e advocacy saranno le loro armi preferite per influenzare le leggi e sostenere la redditività. Ma è fondamentale che i politici e le organizzazioni professionali diano priorità alla salute pubblica rispetto ai soldi.

Un problema per i governi

Per fortuna, diversi governi hanno manifestato il desiderio di rendere il mondo online un posto più sicuro e di compiere passi concreti. Un passo importante sarà limitare la pubblicità comportamentale. Ovviamente, dato che la pubblicità rappresentava la maggior parte delle entrate di Google nel 2018, non dovremmo aspettarci molto. Possiamo limitare i dati personali che possono essere utilizzati per vendere prodotti alle persone e come vengono presentati gli annunci pubblicitari, consentendo agli utenti maggiore controllo su ciò che vedono. Un ritorno alla pubblicità contestuale, in cui gli utenti vedono solo annunci correlati a ciò che stanno cercando sarebbe un passo modesto, ma comunque importante.