Facebook

Negli ultimi giorni, l’ex capo della sicurezza del social network Facebook, Alex Stamos, durante un’intervista ha suggerito a Mark Zuckerberg di ridimensionare il proprio ruolo all’interno dell’azienda.

Queste dichiarazioni sono arrivate dopo quelle di Chris Huges, co-fondatore della piattaforma, intervistato per il podcast Recode Decode di Kara Swisher. Scopriamo insieme cosa ha detto.

 

Facebook: Mark Zuckerberg potrebbe essere sostituito

Secondo Hughes è arrivato il momento di ridurre il potere nelle mani di Zuckerberg, ecco le sue parole: “Se fossi in lui, assumerei un nuovo CEO per l’azienda. Ora, dopo l’addio di Chris Cox, (Zuckerberg) sta ricoprendo anche il ruolo di Chief Product Officer, che rappresenta la sua vera grande passione. Dovrebbe quindi dedicarsi interamente a quello, cercando nuovo CEO, dando contemporaneamente un segnale che internamente ed esternamente la cultura dell’azienda ha bisogno di un cambiamento“.

Leggi anche:  Snapchat: alcuni dipendenti dell'azienda spiano gli utenti

Possiamo quindi affermare che Stamos e Hughes hanno le idee molto chiare sul futuro della piattaforma e hanno proposto Brad Smith, attuale presidente del dipartimento legale di Microsoft, come successore di Zuckerberg. Smith fa parte di Microsoft dal 1993, per questo la sua esperienza potrebbe essere un vantaggio alla guida della piattaforma.

Smith ha anche lavorato con la Commissione Europea su accuse riguardo all’antitrust, ruolo che ancora una volta potrebbe tornare utile alla piattaforma. Stamos lo ritiene adatto perché è “una persona adulta che ha già attraversato queste problematiche (relative all’antitrust) in un’altra azienda“. Dobbiamo ancora aspettare per scoprire cosa ne pensa il diretto interessato e soprattutto il capo di Menlo Park.