Radiazioni smartphone

Molti sono i consumatori convinti che gli smartphone siano gravemente dannosi per il corpo umano a causa delle radiazioni che rilasciano; durante gli anni gli scienziati hanno studiato accuratamente gli smartphone per capirne la loro nocività ma secondo i risultati, i dispositivi mobili non sono una vera e propria minaccia per il corpo umano.

Secondo le varie analisi, le radiazioni che gli smartphone emettono variano secondo il modello; difatti, tutti i dispositivi mobili sono controllati accuratamente dall’Ufficio federale tedesco per la protezione dalle radiazioni prima di essere lanciati in commercio, proprio perché l’Unione Europea impone delle regole ben precise alle aziende telefoniche che producono dispositivi mobili. Ogni smartphone ha un tasso di assorbimento specifico (Valore SAR) ed è definito pericoloso nel momento in cui il Valore SAR è alto.

Ecco quali sono i modelli pericolosi

I consumatori trascorrono gran parte del loro tempo utilizzando il proprio smartphone e il corpo umano assorbisce le radiazioni che emette, ogni volta che è in uso; secondo i vari studi scientifici le onde elettromagnetiche che rilasciano non sono nocive per l’essere umano ma, alcuni modelli rilasciano più radiazioni di altri.

Leggi anche:  Samsung Galaxy Note 10: trapelate delle informazioni sulle fotocamere

Grazie alla società Statista e al suo studio condotto possiamo conoscere quali smartphone sono maggiormente pericolosi per il corpo umano; in cima alla lista c’è lo Xiaomi Mi A1 con un valore SAR pari a 1,75% e il One Plus ST con 1,68%. La lista continua con i seguenti smartphone: Nokia Lumia 630 con un Valore SAR pari a 1,51%, HuaweiGX8 con 1,44%; One Plus 5 con 1,39% e Iphone 7 con 1,38%.