elettrico-contro-diesel

Elettrico contro Diesel rappresenta al giorno d’oggi il dilemma più grande quando si parla di emissioni di CO2. La lotta contro l’inquinamento è ormai punto cardine delle discussioni di ambientalisti e studiosi di ogni genere. Tutti i produttori si stanno ingegnando per presentare sul mercato la propria soluzione “eco-friendly” per la mobilità del futuro.

Recenti studi però evidenziano un incongruenza tra emissioni e pensiero comune. Infatti l’elettrico non rappresenta una soluzione definitiva al problema dell’inquinamento. Sembrerebbe infatti che un auto Diesel di nuova generazione, sotto ad un certo chilometraggio, sia meno inquinante. Rimane però un importante nodo da sbrogliare relativo al momento di inizio dell’emissione. Molti considerano solo l’accensione, mentre altri anche la produzione del veicolo.

Elettrico contro Diesel: i risultati di un nuovo studio potrebbero stupirvi

Come anticipato, bisogna distinguere attentamente il momento da cui considerare l’emissione. Se la CO2 viene infatti misurata a partire dalla messa in moto, il motore elettrico rappresenta la soluzione meno inquinante. Questo emerge anche da uno studio dell’Automobil Club Tedesco. Tuttavia viene fatta una precisazione. I dati sull’inquinamento dovrebbero partire dal momento in cui il veicolo è prodotto.

Leggi anche:  Tesla: nuovi guai per il brand di auto elettriche di lusso

Questo ovviamente penalizza l’auto elettrica, il cui impatto di produzione per le batterie è molto alto. Si è infatti osservato che per ammortizzare l’emissione delle fabbriche che le producono sono necessarie percorrenze maggiori. In particolar modo, si parla di chilometraggi superiori a 150 mila km durante il ciclo di vita del veicolo.

Per tutte quelle percorrenze inferiori, il diesel di nuova generazione sarebbe invece avvantaggiato. Anche se dal momento dell’accensione la quantità di CO2 emessa è maggiore, a monte la produzione ha un impronta inferiore sul nostro pianeta. Non possiamo quindi parlare di carburante migliore, ma fare un discorso unicamente legato alle percorrenze. Ogni singolo utilizzatore di autovetture ha le sue abitudini, che vanno tenute in considerazione.

Appare quindi chiaro che per la scelta di una piuttosto che l’altra bisogna considerare l’uso ed il chilometraggio totale. Per tutte quelle percorrenze inferiori al suddetto dato, il diesel è ancora la scelta migliore in termini di inquinamento.