wi-fi-alliance-huawei-trump-usa-google

Le tecnologie Huawei sono state oggetto di gravi attacchi / minacce da Washington da un paio d’anni a questa parte. Gli Stati Uniti avvertono che gli smartphone e le apparecchiature di rete del colosso cinese potrebbero essere cavalli di Troia per le spie cinesi. Questo sebbene l’azienda cinese abbia ripetutamente negato tali affermazioni.

Gli Stati Uniti hanno lanciato severi avvertimenti agli alleati. Il 15 maggio la minaccia è stata portata all’estremo quando il presidente Donald Trump ha vietato alle aziende americane di effettuare transazioni con Huawei.

Huawei, continuano le brutte notizie

Google ha prima rilasciato il suo missile su Huawei quando ha ritirato l’accesso alla società cinese ai servizi Android, seguito da Qualcomm, Intel, Microsoft e Arm. Il gigante cinese è stato anche escluso dall’essere un membro della SD Association. Ora, la società è stata anche sollevata dall’appartenenza alla Wi-Fi Alliance.

Leggi anche:  Huawei oltre il 5G, il CEO conferma di star lavorando al 6G

Il divieto è temporaneo e, anche se ciò non significa che l’azienda non può più realizzare prodotti Wi-Fi, significa che Huawei non avrà più alcuna influenza su dove la tecnologia Wi-Fi sta andando

Wi-Fi Alliance è pienamente conforme al recente ordine del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti senza revocare l’iscrizione a Huawei Technologies. Wi-Fi Alliance ha temporaneamente limitato la partecipazione della società cinese alle attività di Wi-Fi Alliance coperte dall’ordine.

Ad Huawei è stato concesso un sussidio di tre mesi dal dipartimento del Commercio fino al 19 agosto. Il presidente Trump ha espresso l’idea di utilizzare l’azienda tecnologica cinese come leva nei negoziati commerciali in corso con la Cina. Dunque il destino della compagnia cinese si basa in parte sulla volontà di Pechino di avviare una discussione tra i due paesi.