NASA-finds-long-lost-Indian-lunar-orbiter

La NASA ha scelto il suo primo partner commerciale per una stazione spaziale proposta, conosciuta come la Porta Lunare, da costruire vicino alla Luna. Giovedì, l’amministratore della NASA Jim Bridenstine ha detto che Maxar Technologies avrebbe costruito il primo componente del Gateway, l’elemento di potenza e di propulsione. Come suggerisce il nome, fornirà elettricità al Gateway e aiuterà a spostarlo.

“Questa volta quando andremo sulla Luna, in realtà ci resteremo”, ha detto Bridenstine nel fare l’annuncio. Ha descritto il Gateway, che sarà posizionato in un’orbita ellittica alta bilanciata tra la Terra e la gravità della Luna, come un “Modulo di Comando” riutilizzabile.

NASA, prima missione nel 2022

Secondo gli attuali piani della NASA di sbarcare sulla Luna entro il 2024, questo è il luogo in cui gli astronauti si lanceranno dalla Terra prima di salire a bordo e portarli sulla superficie lunare.

L’annuncio rappresenta il continuo di un piano Lunar Gateway che è stato avviato sotto l’amministrazione Obama. Il piano spaziale di Obama prevedeva l’utilizzo del Gateway come trampolino di lancio verso Marte, ma ora l’amministrazione Trump sta ruotando verso la superficie lunare.

Leggi anche:  Esopianeti: la vita oltre la Terra è possibile grazie alle ultime scoperte

Il contratto annunciato giovedì vale un massimo di $ 375 milioni. Maxar ha detto che Blue Origin e Draper si uniranno al team nella progettazione, costruzione e gestione del veicolo spaziale. Tale partnership aumenta la possibilità che l’elemento di potenza e di propulsione, che peserà circa 5 tonnellate completamente alimentato, possa essere lanciato sul nuovo razzo Glenn di Blue Origin.

Durante una teleconferenza con i media, Mike Gold di Maxar ha detto che l’azienda avrebbe scelto un razzo commerciale per il lancio di elementi di potenza e propulsione nei prossimi 12-18 mesi. Molto probabilmente, New Glenn è il veicolo di lancio preferito. Tuttavia, Maxar si protegge nel caso in cui il missile non sia pronto a volare nel 2022. (Al momento, Blue Origin sta lavorando per una data di lancio del potente razzo del 2021, ma i progetti di grandi missili spesso ritardano).