ford

Ford taglierà 7.000 posti di lavoro dalla sua forza lavoro globale stipendiata, o circa il 10% dei suoi 70.000 dipendenti, ha annunciato la società lunedì. Circa il 20 percento sarà costituito da manager di livello senior, il che fa parte di uno sforzo per appiattire la struttura organizzativa della società.

Ottocento tagli di posti di lavoro avverranno in Nord America, con 500 di loro in arrivo martedì. I tagli saranno completati entro agosto, ha detto Ford. Alcuni lavoratori a contratto perderanno anche il lavoro, anche se la società non ha specificato quanti. La Ford inoltre non ha detto quali divisioni potrebbero vedere le maggiori perdite, anche se la maggior parte dei 7.000 posti di lavoro eliminati probabilmente deriverà dalla decisione dell’azienda di chiudere un impianto e lasciare il mercato degli autocarri commerciali sudamericano. Compresi i lavoratori non salariati, Ford ha una forza lavoro globale di poco più di 200.000 persone.
“La società ha annunciato una ristrutturazione da  11 miliardi lo scorso luglio, ma è stata lenta con i dettagli”

 

La visione del futuro della società

I tagli fanno parte di una ristrutturazione da 11 miliardi annunciata lo scorso luglio da Jim Hackett, CEO di Ford. Hackett è stato portato dalla divisione Smart Mobility di Ford nel 2017 per sostituire Mark Fields, che è stato amministratore delegato per tre anni.

Leggi anche:  Huawei, il ban ha iniziato ad influire le vendite in Europa e in Asia

La società ha sfruttato Hackett per la sua reputazione di leader nella società di mobili Steelcase, ma anche perché sembrava più propenso ad abbracciare i rapporti con la Silicon Valley, qualcosa che tutti i principali produttori automobilistici stavano cercando in risposta alla crescente concorrenza delle aziende tecnologiche.

Hackett ha aiutato a supervisionare il lancio di una società spin-off interamente nuova dedicata ai veicoli autonomi, un investimento da 500 milioni di dollari nella startup EV Rivian e una serie di sforzi software e cloud volti a rendere le auto aziendali più connesse e smart.

È solo negli ultimi mesi che Ford ha iniziato a rilasciare maggiori dettagli su come cambierà la società. Un grande cambiamento riguarda la volontà di Ford di volere “un’alleanza globale” con Volkswagen a gennaio incentrata su camioncini e furgoni commerciali, con un occhio anche ai veicoli elettrici ed autonomi.