Tesla Introduces Self-Driving Features With Software Upgrade

Gli aggiornamenti OTA di Tesla in genere sorprendono e deliziano i proprietari con nuove funzionalità. I recenti cambiamenti del software, tuttavia, hanno limitato l’autopilota. Il produttore di EV avverte il colpo delle nuove normative.

Il sistema di assistenza alla guida ha visto numerosi aggiornamenti negli ultimi anni, sfruttando il controllo adattativo della velocità e il mantenimento della corsia per aggiungere funzionalità come cambio corsia automatico e parcheggio automatico.

Tesla deve rispettare i regolamenti

In effetti, a volte può sembrare che l’ambizione di Tesla per la guida semi-autonoma sia fuori sincronia con ciò che i regolatori e i legislatori sono pronti a consentire sulle strade. Elon Musk ha predetto di recente un aggressivo lancio di “Robotaxis” autonomi,  suggerendo che potrebbero essere attivi entro il 2020. Il problema è, Musk ha ammesso, che dipenderà dai regolatori. Non è sicuro, infatti, che essi permettano a tali macchine di vagare per le strade senza i conducenti.

Ora, però, sono le funzionalità esistenti di Tesla che hanno riscontrato problemi. Il regolamento 79 è un mandato dell’Unione europea per quanto riguarda i sistemi di guida, in particolare riguarda lo sterzo meccanico che lascia il posto all’elettrico. Ciò ha avuto un impatto significativo sui sistemi avanzati di assistenza alla guida (ADAS) che includono un certo grado di guida automatizzata.

Tesla aggiorna con il firmware 2019.16.1

Limiti più severi attorno a ciò che può fare un sistema di guida automatizzato hanno ora costretto Tesla a pubblicare un aggiornamento del pilota automatico nell’UE. Questo ha ridotto efficacemente le funzionalità di alcuni aspetti della funzione. Il firmware 2019.16.1 presenta modifiche che influiscono sulle auto di seconda generazione Tesla Model S e Model X in paesi come Regno Unito, Francia, Germania e Spagna. Tutti i paesi elencati hanno aderito al regolamento UN / ECE 79, The Drive sottolinea.

“A causa delle nuove normative locali, il limite di quanto può ruotare il volante mentre Autosteer è attivo è stato regolato”, leggono le note di aggiornamento. “Questo potrebbe ridurre la capacità di Autosteer di completare virate brusche.”

Leggi anche:  Auto elettriche: dovranno emettere Rumore dal 1 Luglio

Non è solo quello, comunque. “Inoltre,” scrive Tesla, “per avviare il cambio automatico di corsia, gli indicatori di direzione devono essere innestati sul primo fermo (tenuti parzialmente alzati o abbassati) e il cambio di corsia deve iniziare entro 5 secondi dall’impegno del segnale di svolta.”

In alcune regioni, come gli Stati Uniti, la funzionalità – che consente di pilotare remotamente l’auto al proprietario tramite il telefono – può essere effettuata tramite reti cellulari, il software 2019.16.1 applica nuovi limiti. “A causa delle nuove normative locali, il telefono deve essere collegato attivamente alla tua auto tramite Bluetooth”.

Ciò significa che Summon funzionerà solo dalla distanza di una connessione Bluetooth. La Regola 79 include i limiti dei sistemi di “Controllo a distanza del parcheggio” a sei metri tra macchina e utente.

Elon Musk potrebbe richiedere un esenzione per il regolamento 79

Ovviamente Tesla non è l’unica casa automobilistica interessata dai regolamenti. In effetti, tutte le case automobilistiche che offrono sistemi ADAS più capaci potrebbero trovarsi a scontrarsi con i limiti del regolamento 79. Ciò che distingue l’azienda di Elon Musk, tuttavia, è che i conducenti nell’UE avevano già utilizzato funzionalità che sono state ridotte in qualche modo.

Le case automobilistiche possono richiedere esenzioni da mandati come il Regolamento 79, anche se non è chiaro se Tesla lo farà. Se decide di respingere i limiti dell’UE, è improbabile che tale processo sia rapido. Nel frattempo i proprietari di Tesla dovranno fare a meno di funzioni a cui potrebbero essere già stati abituati.