Iliad

Uno studio condotto dalla società Telecompaper denominato “Eu Mobile benchmark study” ha stabilito che l’Italia è il paese con le tariffe di telefonia mobile più economiche d’Europa sulle SIM ricaricabili.

Il risultato italiano non deve stupirvi, poiché è frutto dell’ingresso dell’operatore francese Iliad sul mercato, le cui tariffe low cost hanno costretto TIM, Wind Tre e Vodafone a trovare la quadra per contrastarlo abbassando a loro volta i prezzi.

A livello procedurale, lo studio citato in calce ha preso in considerazione oltre 1.300 piani tariffari attivi nei 16 Paesi europei occidentali, ponendo l’attenzione sulle offerte sia con che senza smartphone incluso. L’Italia è risultata la nazione con i prezzi più economici sia nella fascia media che in quella bassa.

 

L’Italia ha le tariffe più economiche d’Europa grazie a Iliad

In Europa, un piano tariffario molto diffuso per le SIM ricaricabili è quello che offre 1.000 minuti di chiamate e 10 Giga al mese. Tale bundle senza SMS ha un costo medio che è passato da 36 euro del primo trimestre 2018 a 29 euro nei primi tre mesi del 2019. In Italia, come ben sappiamo, la cifra è molto più bassa e si attesta sui 15 euro (ma è anche più bassa di così).

Leggi anche:  Iliad affronta TIM e Vodafone: 2 nuovi regali agli utenti e 50GB in 4G

Sempre dallo studio Eu Mobile benchmark study, si evince come insieme ai prezzi sia diminuita la possibilità di scelta per i consumatori. Al contempo, aumenta sempre più il quantitativo di traffico dati incluso nelle varie offerte (con oltre il 60% dei piani che include almeno 5 Giga) e ciò non ha decretato alcun incremento dei costi.

Infine gli operatori telefonici europei, per far fronte alla necessaria diminuzione dei prezzi per rimanere competitivi, hanno aumentato le tariffe che prevedono l’attivazione in convergenza di piani mobile e telefonia fissa.