Una delle sciagure maggiori per tutti i clienti TIM – ed in generale per tutti i clienti di telefonia mobile – sono i servizi a pagamento. Sempre più persone, magari cliccando sul sito sbagliato su internet, attivano non volendo dei servizi inutili ed allo stesso tempo molto dannosi per il proprio credito residuo.

 

TIM, come ricevere rimborsi e bloccare i servizi a pagamento

I servizi a pagamento possono portare via consistenti somme di credito: si va da pochi euro sino a ben dieci euro a settimana!

La via migliore per dormire sonni tranquilli e per evitare di scialacquare in maniera poco intelligente i proprio i soldi è quella di bloccare tutti i servizi a pagamento. Per fortuna TIM in questo offre una valida soluzione ai suoi clienti.

Gli utenti del provider di telefonia nazionale, con una telefonata al call center 119 possono richiedere di bloccare tutte le opzioni a pagamento (app di gaming, oroscopi, meteo, suonerie, contenuti vietati ai minori, ecc). L’assistenza sarà immediata: basterà comunicare ad un’operatore le proprie generalità ed il gioco è fatto.

Leggi anche:  Tim, Wind, Vodafone e 3 Italia: 4 trucchi per inviare messaggi anonimi

Ma c’è di più. Laddove questi servizi sono stati attivati in maniera involontaria dall’utente, TIM offre anche la soluzione dei rimborsi. Per ottenere rimborsi di credito per spese non desiderate è necessario sempre chiamare il call center 119. I tecnici si impegneranno ad aprire una pratica di reclamo ed in 12 giorni lavorativi si stabilirà la fattibilità del rimborso di credito.