DVB T2 decoderGli italiani hanno ancora le idee un po confuse in merito all’argomento costi DVB T2. A partire dal prossimo anno verrà attuato un piano di ottimizzazione della rete televisiva che porterà la programmazione su nuovi standard. Si passerà dal classico Digitale Terrestre al nuovo sistema in alta definizione esclusivo in Italia. La situazione richiederà un controllo delle apparecchiature che si realizza mediante questa nuova guida. Ecco cosa devi sapere.

 

DVB T2 cambia la TV Digitale: come non pagare per il decoder

Chi possiede un’antenna analogica o una parabola DVB TV non ha necessità di aggiornare l’infrastruttura TLC per la ricezione del segnale. Il problema si pone nei confronti dei nostri televisori che potrebbero essere tecnologicamente non pronti ad accogliere la nuova visione HD dei canali. Per scoprirlo occorre effettuare un semplice controllo in casa, senza bisogno di scomodare l’antennista.

Come prima cosa verifichiamo che all’ingresso SCART del nostro televisore non vi sia già collegato un decoder di vecchia generazione. In questo caso significa che il nostro sistema dovrà essere aggiornato con una soluzione più moderna.

In caso contrario potrebbe darsi che il nostro apparato di nuova generazione sia già integrato all’interno della TV e pronto a ricevere i nuovi canali RAI, Mediaset e quelli di emittenti locali. Accade per tutti i televisori prodotti negli ultimi 4 anni ma non è una verità assoluta. Per verificare la presenza di un sistema di ricezione aggiornato facciamo così:

  • Portiamoci al Menu Impostazioni TV tramite telecomando
  • Sintonizziamo i canali in maniera automatica aggiornando la lista
  • Scegliamo un canale HD dopo aver completato la procedura
Leggi anche:  Netflix insieme a Mediaset produrrà un film su Roberto Baggio

Se siamo in grado di seguire la programmazione in onda nel canale HD scelto significa che il nostro TV è aggiornato e pronto a ricevere tutti gli show futuri. In caso contrario si dovrà mettere in conto un nuovo decoder DVB T2 da acquistare in negozio oppure online con una spesa che varia da 20 a 50 euro a seconda delle funzioni aggiuntive richieste.

La buona notizia è che tra le proposte di Governo c’è quella che sta per concedere il bonus da 25 euro da destinare alle famiglie per l’aggiornamento dei televisori. NON è stato ancora approvato ma riaccende le speranze di chi non potrà permettersi di rinnovare il proprio sistema.

Il tuo televisore è già pronto per il prossimo cambiamento? Faccelo sapere mentre scopri come non pagare il Canone RAI risparmiando quasi 100 euro all’anno.