smartphone in auto codice della stradaGli smartphone in auto sono pericolosi. il concetto vale tanto per noi conducenti che per tutti gli altri utenti della strada, pedoni compresi. Non possiamo dare torto alla Polizia che sotto le direttive di una futura modifica al Codice della Strada 2019 applicherà misure più severe per contenere gli illeciti. Si prevederanno nuove multe e provvedimenti più restrittivi per chi verrà sorpreso ad usare il telefono alla guida. Approfondiamo la questione anticipando i cambiamenti che verranno applicati.

 

Il nuovo Codice della Strada: smartphone e limiti di velocità

Vieni beccato ad usare il telefono mentre guidi? Ormai è diventata un’abitudine? Sicuramente lo è per molti. Lo vediamo quotidianamente per le nostre strade. Una pratica pericolosa ed illegale a partire dalle ultime ristrutturazioni al codice stradale. Ma rispetto all’attuale revisione verranno messe a punto nuove modifiche che non limiteranno l’azione degli organismi di controllo.

La Polizia Stradale avrà piena facoltà di intervento diretto nei confronti dei trasgressori. Si dovranno fare i conti con multe più salate e nessuno sconto per quanto riguarda le recidive. Si parla di sanzioni limite che raggiungono i 1647 euro ed il ritiro immediato della carta di circolazione senza preavviso.

Accanto a questa notizia si colloca l’emendamento per l’abbattimento dell’attuale limite di velocità autostradale fissato a 130 Km/h. Le istituzioni della Lega ed i Ministeri pensano di portare la velocità massima a 150 Km/h in autostrada. Il Presidente Massimiliano Dona della Unione Nazionale dei Consumatori ha espresso il suo parare contro l’osteggiamento dei 5 Stelle,che vogliono addirittura una rimodulazione verso il basso di tale limite. Il commento è stato questo:

Leggi anche:  Smartphone e Tumori: le ultime sui rischi per la nostra salute

“Condividiamo la proposta purché, come previsto nei disegni di legge presentati, resti l’obbligo, in quei tratti, di controllare la velocità media, con sistemi di rilevazione come il tutor e vi sia asfalto drenante. Gli incidenti, infatti, avvengono prevalentemente nelle strade urbane ed extraurbane, rispettivamente 74,6% e 20%, e, anche rispetto al numero dei decessi, nonostante la maggiore velocità, in autostrada le vittime sono l’8,8% del totale, contro il 43,4% delle strade urbane ed il 47,8% di quelle extraurbane. Siccome, però, nel 2017 il numero dei decessi in autostrada è salito dell’8% rispetto al 2016, vi deve essere assolutamente il tutor o strumenti di rilevazione analoghi”

Avremo senz’altro modo di tornare sull’argomento nei prossimi giorni. Ci puoi seguire nei social e direttamente sul sito attivando le notifiche in tempo reale con gli aggiornamenti. Intanto scopri i 15 optional per auto che aumentano interattività e sicurezza in strada.