I messaggi sono sempre più utilizzati dai consumatori e grazie alle numerose applicazioni, è diventato sempre più facile e veloce comunicare; come potete notare, la maggior parte delle applicazioni di messaggistica istantanea hanno un opzione chiamata “crittografia end-to-end” che permette di proteggere i messaggi inviati e ricevuto. I messaggi, possono essere letti solo con un codice che il consumatore ha nel proprio smartphone; ma sono in molti che, pensano che tale crittografia non sia sicura al 100% e per questo motivo, tengono inconsiderazione altri metodi.

Messaggi non al sicuro: ecco alcuni metodi per proteggerli al 100%

I messaggi non sono totalmente al sicuro con la crittografia end-to-end” sostengono alcuni consumatori e per questo che, utilizzano dei metodi alternativi per tenerli al sicuro; parliamo sempre di applicazioni gratuite che hanno delle caratteristiche differenti come per esempio, messaggi che si autodistruggono dopo che il mittente li ha letti.

Leggi anche:  Whatsapp: l'app diventa obsoleta per alcuni utenti, ecco perché

Ci sono numerose applicazione che offrono questa opzione: come per esempio Messenger che i consumatori utilizzano per comunicare con gli utenti di Facebook; non tutti conoscono l’opzione di “autodistruggere un messaggio” dopo averlo inviato: l’utente dovrà solamente aprire una conversazione segreta con l’altra persona e impostare un timer che si attiverà quando il destinatario apre la notifica del messaggio.

Una seconda opzione è Confide: si tratta sempre di una applicazione gratuita che i consumatori possono scaricare dal proprio App Store o dal Play Store; un applicazione di messaggistica istantanea che permette ai suoi utenti di attivare o meno l’opzione di “autodistruggere un messaggio” dopo averlo inviato e dopo che il destinatario lo ha letto.