facebook

Facebook ha detto venerdì che ha fatto causa a Rankwave, una società sudcoreana che analizza i dati degli utenti dei social media per scopi di marketing.

“Facebook stava indagando sulle pratiche dei dati di Rankwave in relazione ai suoi servizi pubblicitari e di marketing”, ha detto Jessica Romero, direttore di Facebook per l’applicazione delle piattaforme e contenzioso, in un post sul blog. “Rankwave non è riuscito a collaborare con i nostri sforzi per verificare la conformità con le nostre politiche, che richiediamo a tutti gli sviluppatori che utilizzano la nostra piattaforma.

Facebook sostiene nella causa, depositata nella Corte Superiore della California nella contea di San Mateo,  che Rankwave abbia violato un contratto con il social network e la legge della California che proibisce atti commerciali sleali, illegali o fraudolenti. Dal 2010, Rankwave ha gestito almeno 30 app sulla piattaforma Facebook. L’azienda sudcoreana ha utilizzato i dati legati a tali app per creare e vendere strumenti pubblicitari e di marketing, che è contro le regole di Facebook.

Leggi anche:  Twitter ha utilizzato numeri di telefono ed e-mail per annunci mirati

Secondo la società non ci sono prove sufficienti

Nel deposito in tribunale, Rankwave ha negato di aver disobbedito alle politiche di Facebook, ma il social network dice che la società non ha fornito prove sufficienti. Rankwave non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

La causa evidenzia come Facebook sta cercando di mostrare al pubblico e agli sviluppatori che sta prendendo sul serio la privacy sulla scia di una serie di scandali. L’anno scorso sono emerse rivelazioni che hanno visto la società di consulenza politica britannica Cambridge Analytica in una fuga di dati di oltre 87 milioni di utenti di Facebook.

I consumatori e le aziende hanno utilizzato le app di Rankwave, e queste ultime  dovevano ottenere il permesso dell’utente prima di poter accedere ai dati di Facebook.