Facebook

Molto probabilmente la nuova criptovaluta del social network Facebook potrebbe cambiare per sempre il mondo dell’e-commerce. La piattaforma sta infatti cercando di lanciare la propria moneta che permetterà a tutti gli utenti di scambiare denaro senza alcun costo aggiuntivo.

La notizia è stata anticipata qualche mese fa e ora Mark Zuckerberg ha finalmente deciso di lanciarsi in questo progetto. Da una parte la piattaforma è interessata ad espandersi in India, dall’altra vuole anche espandere l’utilizzo della criptovaluta per trasferire denaro. Ecco i dettagli.

 

Facebook si lancia nella criptovaluta che cambierà il mondo dell’e-commerce

Solo qualche giorno fa il Wall Street Journal ha dichiarato che il social network guidato da Zuckerberg sta lavorando ad un proprio network di pagamento basato proprio sulla criptovaluta. Il network in questione potrebbe anche andare a competere con le carte di credito tradizionali. Ecco le parole della testata: “Facebook Inc. sta reclutando decine di società finanziarie e negozi online per aiutare a lanciare un sistema di pagamento basato sulla criptovaluta oltre il suo gigantesco social network. Il tentativo, se dovesse riuscire, minaccia di capovolgere il tradizionale e lucrativo sistema dell’e-commerce e potrebbe essere già l’applicazione più popolare di questa criptovaluta“.

Leggi anche:  Facebook Live approda anche nell'applicazione Lite

Secondo quanto riferito dal giornale il tentativo della piattaforma sarebbe quello di creare un’offerta “stablecoin“, una criptovaluta il cui valore sarebbe direttamente collegato all’attuale mercato finanziario. Ecco quindi che viene spiegato il motivo per cui l’azienda ha bisogno del sostegno delle società finanziarie, in questo modo potrebbe assicurarsi una moneta stabile, a differenza dei bitcoin.

Il portale ArsTechnica ha riferito: “Uno dei grandi vantaggi di Facebook è che un discreto numero di siti web già utilizza le Facebook APIs per consentire agli utenti di loggarsi utilizzando le proprie credenziali. Potrebbe essere un passo importante per estendere l’infrastruttura esistente per consentire agli utenti di fare acquisti su siti terzi utilizzando le credenziali di Facebook“.