elettrico-vs-diesel

L’inquinamento è da sempre un argomento caro agli ambientalisti, spesso oggetto di discussioni e proteste. Per ovviare a queste problematiche, in campo automobilistico si sono studiate moltissime le soluzioni, tra cui l’elettrico. Ma è davvero meno inquinante? Nelle nostre città sempre più spesso si assiste a blocchi del traffico, che coinvolgono anche veicoli di nuova generazione. Per rispondere alla nostra domanda dobbiamo però fare uno studio approfondito. 

Il dibattito si incendia in merito al momento dal quale considerare l’emissione di un veicolo. C’è chi considera l’emissione di CO2 solo nel momento dell’accensione e chi direttamente alla fonte. Molti infatti insistono sul fatto che l’emissione vada calcolata anche durante le fasi di produzione. La certezza è che investendo sull’elettrico in futuro ne possa aumentare anche la sostenibilità durante le fasi di produzione.

L’elettrico è davvero più inquinante di un diesel di nuova generazione?

Per rispondere al nostro dilemma dobbiamo affidarci ad alcuni esperti, che hanno esaminato e studiato i vari dati per noi. In particolar modo, l’Adac nel 2018 ha distinto le differenze tra elettrico e diesel in due grandi blocchi in base al chilometraggio.

Leggi anche:  Tesla: arriva il quarto incidente mortale in un anno, al via le indagini

L’ Automobil Club Tedesco ha affermato che l’auto elettrica consumerebbe meno nel caso di chilometraggi più elevati. Come media si è fissato il numero di 150 mila km infatti. In questo lasso di tempo infatti verrebbe quasi completamente ammortizzato l’inquinamento legato alla produzione dal veicolo e delle batterie. 

Per tutti i chilometraggi inferiori sarebbe il diesel a spuntarla. I motori di nuova generazione sarebbero infatti meno inquinanti di un auto elettrica. Per chilometraggi inferiori ai 150 mila km sarebbe infatti impossibile ammortizzare le elevate quantità di CO2 legate alla produzione di energia elettrica.

Al momento la tecnologia dell’elettrico risulta ancora molto lontana dalla perfezione. Non si può quindi ancora parlare di impatto zero. Molti produttori però, tra cui VW, sono al lavoro per cercare di abbattere l’impatto inquinante della produzione.