aumenti-operatori

Il mese di aprile è finito ormai da qualche giorno, portando con se anche un ondata di rimodulazioni che hanno fatto storcere il naso a molti utenti. Dal 28 di aprile infatti sono ufficialmente in vigore aumenti per i clienti TIM, che dovrebbero essere poi seguiti da quelli di Vodafone e Wind. 

Prima che anche questi due ultimi operatori apportino le loro modifiche all’offerta, vi ricordiamo che potrete godere del diritto di recesso senza dover pagare nessuna penale. Attenzione però a leggere attentamente il messaggio che vi verrà inviato in cui saranno indicati i limiti temporali per rescindere dal contratto.

Operatori telefonici: ecco gli aumenti di Tim, Vodafone e Wind Tre

La prima rimodulazione, come anticipato, riguarda TIM. Il nuovo piano tariffario “sempre connessi” prevederà un addebito di 1,80 euro al mese se si effettua una qualsiasi operazione con credito residuo pari a zero. Questo piano verrò tuttavia attivato in maniera assolutamente automatica per le 48h successive all’esaurimento del credito. L’addebito economico verrà poi prelevato dal vostro successivo rinnovo.

Per quello che riguarda Wind Tre, le sue rimodulazioni partiranno dal 5 di Giugno. A subire un addebito maggiore sarà l’abbonamento Noi Unlimited +. La maggiorazione che dovremmo pagare in bolletta sarà addirittura di 2 euro al mese.

Brutta situazione anche per i clienti Vodafone che si troveranno addirittura 2,99 euro in più da pagare ogni mese. Le rimodulazioni arriveranno in estate, più precisamente dal 14 luglio. Gli abbonamenti interessati saranno: Internet Unlimited e Unlimited Plus, Vodafone One Pro TV, Vodafone One, Internet & TV.

Come sempre a farne i conti saranno i clienti, che si troveranno a spendere un discreto gruzzolo in più alla fine dell’anno.