E’, questo, un periodo ricco di novità per l’utenza di YouTube, la più grande piattaforma di video-sharing che poi, nel tempo, si è trasformata in molto altro (basti pensare che YouTube distribuisce oggi prodotti multimediali originali ed ha lanciato un proprio servizio di musica in streaming).

L’ultima novità riguarda proprio il programma YouTube Originals, il servizio di streaming video della piattaforma di proprietà di Google che mette a disposizione degli utenti serie TV e contenuti di vario genere originali. Ebbene, per usufruire di questo speciale programma non sarà più necessario abbonarsi al piano Premium: YouTube Originals sarà, piuttosto, gratis e accessibile a tutti gli utenti.

A comunicarlo è stato lo stesso Chief Business Officer di YouTube, Robert Kyncl, l’intera utenza YouTube avrà accesso, gratuitamente, ai contenuti Originals, la cui riproduzione verrà però di tanto in tanto interrotta dagli annunci pubblicitari, in modo tale da assicurare comunque un ritorno economico alla piattaforma.

Questa è solo una delle tante novità in arrivo – o che hanno già coinvolto la piattaforma negli ultimi mesi.

Leggi anche:  La cospirazione su YouTube che ha sconfitto Internet Explorer 6

YouTube, ecco tutte le novità in arrivo

Anzitutto, Susan Wojcicki, CEO di YouTube, ha di recente comunicato la volontà di migliorare la sezione Tendenze, dando più spazio e visibilità ai creatori più meritevoli ed assicurando, al tempo stesso, la varietà dei contenuti, evitando dunque che più video di uno stesso canale finiscano in questa sezione.

Oltre ciò, YouTube ha di recente permesso agli studenti delle scuole primarie e secondarie del Canada, Messico, Brasile, Russia, Nuova Zelanda, Regno Unito e Giappone di acquistare l’abbonamento Music Premium e Premium a prezzi ridotti, rispettivamente a 4,99 e 6,99 dollari/sterline; ed ha inoltre lanciato il piano TV (solo negli Stati Uniti) che consente agli utenti di accedere ad oltre settanta canali tra cui Discovery Channel, Food Network, TLC, Investigation Discovery, Animal Planet, Travel Channel, HGTV e MotorTrend pagando una quota di circa 40 dollari al mese.