superanagrafe del fisco

L’Agenzia delle Entrate ha deciso di vederci chiaro sui conti correnti degli Italiani, decisa più che mai a intercettare l’evasione fiscale imperante del nostro paese. Il Fisco lavorerà di concerto con la Guardia di Finanza, analizzando prelievi e acconti di tutti i titolari di conti correnti.

Battezzata dagli addetti ai lavori Superanagrafe, la task force tra i due enti è già attiva e focalizzata sui conti correnti degli italiani di tutte le grandi banche, partendo da Unicredit, BNL e SanPaolo per arrivare a quelle di provincia. L’obiettivo sono le operazioni bancarie o movimenti finanziari che possono destare l’attenzione dei segugi.

In Italia l’evasione fiscale ha raggiunto livelli preoccupanti da qualche anno e non sempre c’è stato il modo o le risorse per effettuare dei controlli accurati su conti privati e societari. Proprio per arginare il fenomeno, l’Agenzia delle Entrate ha deciso di mettere a disposizione il suo database in condivisione con quello della Guardia di Finanzia. Da qui il nome di Superanagrafe, poiché nascerà una banca dati enorme con le informazioni inerenti i risparmi degli italiani.

Leggi anche:  Conti correnti: nuovi controlli del Fisco su BNL, Unicredit e Sanpaolo

 

La Superanagrafe del Fisco controllerà i conti di Unicredit, BNL e SanPaolo

Partendo da questo calderone, eseguire una serie di controlli incrociati farà emergere tutto ciò che non va tra i movimenti dei conti correnti. Tra i casi sospetti, primi fra tutti sono risultate le grosse somme di denaro accreditate senza una reale tracciabilità, non figurando nemmeno nella dichiarazione dei redditi. I titolari di questi conti correnti verranno a questo punto inseriti in liste di contribuenti “sospetti”, per poi essere sottoposti a ulteriori accertamenti.

Le altre informazioni che rientrano nei controlli incrociati saranno: la giacenza annuale, la somma di addebiti e accrediti e i saldi d’inizio e fine anno. La Superanagrafe verrà utilizzata con priorità nei controlli delle dichiarazioni dei redditi 2017 presentati dalle società.

L’Agenzia delle Entrate garantisce che i controlli saranno a monte e più serrati, non dando tregua agli evasori delle tasse, e faranno da volano per far ripartire la macchina organizzativa troppo ferma in questi anni.