errore 4G sicurezza

La telefonia italiana ha conosciuto un vero e proprio sviluppo: sono milioni gli abbonamenti che sono stati attivati negli ultimi anni. A rendere possibile tutto ciò è  stata anche la commercializzazione di piani ricchi di soglie legate alla connessione dati; grazie a queste, oggi, rimanere online è diventato sempre più facile. L’attuale standard utilizzato per navigare sui social o effettuare ricerche è il rinomato 4G che Tim, Wind Tre, Vodafone e Iliad hanno saputo sfruttare a loro favore in maniera egregia.

Nonostante il 4G abbia apportato tanta comodità nella vita di noi utenti, c’è da dire che con sé porta anche evidenti problemi di cui però, non tutti sono a conoscenza. Secondo recenti analisi e ricerche, infatti, le connessioni LTE soffrono di una grave falla che compromette la sicurezza di chi le utilizza.

4G, vulnerabile e pericoloso diventa un’arma dei criminali

Denominata “aLTEr attack“, la ricerca che vede protagonista il 4G ha messo in luce gravi problemi inerenti a questo standard. Secondo quanto pervenuto, la connessione è vulnerabile per via di tre protocolli fallati che non possono essere sanati. In luce di ciò, ogni utente che naviga attraverso questa connessione corre il rischio di subire attacchi di tipo attivo e passivo. 

Sebbene cadere nella trappola sia difficile in base a due variabili, non si può dire che il rischio sia eliminato al 100%. Proprio a seguito di questo motivo, gli analisti che si sono occupati di effettuare questa ricerca hanno subito diramato un allarme ed hanno subito provveduto ad effettuare delle modifiche.

Leggi anche:  4G e 5G: le reti sono pericolose, clienti a rischio intercettazione

Purtroppo per il 4G non c’è nulla da fare, ma è stato affermato che il 5G non soffrirà degli stessi problemi. In ogni caso, non c’è motivo per cui prendersi di panico… come vi abbiamo detto prima, cadere in un attacco del genere è molto difficile per due motivi:

  1. sfruttare il 4G come un’arma a doppio taglio richiede una strumentazione molto costosa;
  2. questi tipi di attacchi funzionano solo se la vittima si aggancia ad una finta cella appositamente creata: affinché questo possa avvenire è richiesto un vincolo di vicinanza molto forte.