Le truffe online esistono già da molto tempo ma ultimamente, gli hacker hanno deciso di attaccare tutti coloro che sono in possesso di una postepay; ricordiamo per chi non ne fosse a conoscenza che, la postepay è una carta prepagata che offre la nota società di Poste Italiane.

Purtroppo, stiamo ricevendo numerose segnalazioni di consumatori che sono stati colpiti dagli hacker e che si sono ritrovati con la loro postepay azzerata; gli hacker sono sempre pronti ad attaccare e a prendere gioco dei consumatori: scopriamo i loro attacchi.

Postepay: le truffe più diffuse che colpiscono numerosi consumatori

Come sappiamo, le truffe online sono sempre più sviluppate e gli hacker riescono sempre a trovare nuovi metodi per colpire i consumatori; purtroppo in queste ultime settimane a cadere nel mirino degli hacker, sono tutti coloro che hanno una carta postepay o postepay revolution.

La truffa maggiormente diffusa è durante gli acquisti online: sicuramente tutti noi almeno una volta, ha effettuato un acquisto online perché semplice e veloce; molti sono i consumatori che hanno acquistato un oggetto online e il pagamento dovevano effettuarlo tramite una ricarica postepay al venditore. E’ successo però che il cliente ha effettuato la ricarica ma l’oggetto non è mai arrivato a destinazione; per questo motivo che consigliamo sempre di acquistare online tramite pagamenti sicuri perché non conosciamo il venditore e potrebbe accadere qualsiasi cosa.

Leggi anche:  Postepay: migliaia di clienti intrappolati dalle truffe su Whatsapp

Un’altra truffa maggiore utilizzata è tramite il phishing: si tratta di email che arrivano ai consumatori sono il falso nome della nota società di Poste Italiane; l’hacker riesce a falsificare il mittente e invia un email alla vittima in cui spiega determinati problemi con l’accesso del conto o con la carta prepagata. Nell’email gli sarà spigato che per risolvere tali problemi basterà cliccare su un link sottostante; il link che gli sarà inviato è solo una trappola perché permetterà all’hacker, di accedere ai dati sensibili della vittima e a svuotargli l’intero ammontare.