“Attenzione, sia in Facebook Messenger che su WhatsApp. Ci sono messaggi inviati da parte di persone in rubrica che nascondono dei virus. Nel messaggio vi chiedono di mandare un messaggio vocale. Fate attenzione. Io ne ho ricevuti due e probabilmente dal mio numero potrebbero arrivarvi richieste simili… Sappiate che non sono io, quindi non inviate alcun messaggio vocale“.

E’ quanto recita un messaggio divenuto ormai virale su Facebook e su WhatsApp, creando un diffuso senso di panico tra gli utenti del Social Network e del servizio di messaggistica istantanea. L’ennesimo messaggio fake diffuso al solo scopo di creare allarmismo tra l’utenza.

WhatsApp, non esiste alcun un messaggio vocale che nasconde un virus, è una bufala

In realtà non esiste alcun messaggio vocale in grado di infettare il dispositivo dell’utente che lo ha ricevuto. Altro non è che la classica catena di Sant’Antonio che, proprio perché indirizzata ad un target piuttosto ampio, l’utenza di Facebook e WhatsApp, appunto, entrambe piattaforme che contano milioni e milioni di utenti registrati, e proprio perché fa leva su uno degli strumenti più utilizzati dell’app di messaggistica istantanea, le note vocali, è stata diffusa tra le chat e nei gruppi fino a diventare virale.

Leggi anche:  WhatsApp: improvviso ritorno a pagamento, il nuovo messaggio è ufficiale

Un messaggio che continua ad essere diffuso con ististenza soprattutto su Facebook Messenger, dal momento in cui WhatsApp ha introdotto delle funzionalità volte ad impedire la diffusione di notizie bufala, impostando un limite al numero di volte che un determinato messaggio può essere inoltrato. Su Facebook, invece, non è ancora presente uno strumento del genere, per cui il Social blu risulta essere il luogo privilegiato per diffondere il messaggio-fake e generare allarmismo.

Si ripete, pertanto, che tra le chat di WhatsApp non gira alcun messaggio vocale che nasconde un virus in grado di infettare i dispositivi degli utenti, e si può quindi continuare ad ascoltare le note vocali ricevute senza il timore di essere attaccati da un malware.